Un circolo ospitante prestigioso, 64 giocatori iscritti di livello altissimo e tanta voglia di competere: questo è il primo Trofeo TCI Led di Saronno. La manifestazione, strutturata con la formula open (non ci sono limitazioni per età e classifica dei partecipanti) da 10000 euro di montepremi, sarà occasione per ammirare atleti di grande livello sui campi di uno dei circoli più importanti e in crescita della provincia.

Il tabellone è stato limitato a 64 partecipanti, tutti con classifica superiore a 2.8, e sabato ci sarà il via agli incontri. Fiori all’occhiello di questo torneo saranno sicuramente Renzo Olivo e Juan Pablo Ficovich, i due atleti tesserati proprio per lo Sporting: rispettivamente 259 e 223 ATP, i due argentini hanno partecipato alle qualificazioni del Roland Garros raggiungendo terzo turno (per Olivo, ndr) e secondo turno (per Ficovich, ndr). Oltre a loro anche altri atleti professionisti come Andrea Picchione e Mariano Kestelboim. Tra i tanti partecipanti anche tennisti nati e cresciuti nella nostra provincia come Terreni, Crespi, Ravasio, Zucchini, Turconi e tanti altri.

Saranno due settimane intense ma molto importanti per lo Sporting, come ci conferma Antonio Altobelli, direttore tecnico del circolo: “Siamo contentissimi e orgogliosi di poter organizzare un torneo del genere e ospitare sui nostri campi certi tipi di giocatori. Se penso a come siamo partiti dieci anni fa mi sembra un sogno poter realizzare tutto questo, ma alla fine è solo frutto di un lavoro e di una programmazione fatti nel migliore dei modi. Ci tengo a ringraziare Gianfranco Librandi di TCI Led Communication, nostro sponsor del torneo. È una persona che stimo molto e che ama lo sport, il tennis e soprattutto la città di Saronno. Inoltre ci tengo a ringraziare anche il presidente Danilo Gusella e tutto il consiglio direttivo del circolo. Ci siamo attrezzati per trasmettere in diretta le partite dai quarti di finale in poi e spero e penso che, sia da casa, ma soprattutto qui sui campi, ci sarà una nutrita partecipazione. Non è un punto di arrivo ma di partenza per dare ancora più lustro al circolo. Ci saranno altri progetti importanti accompagnati dal nostro entusiasmo e dalla nostra passione”.

Insomma, due settimane ricche di appuntamenti e in cui lo Sporting attirerà tanti talenti in campo e tanto pubblico fuori. Un evento unico nella nostra provincia, che farà crescere ancor di più il coinvolgimento verso questo meraviglioso sport.

Filippo Salmini

Articolo precedenteIl Rugby Varese inaugura l’estate al Neuchâtel Sevens, Ermolli: “Vogliamo divertirci ma essere competitivi”
Articolo successivoPazienza e progettualità per il futuro dei Mastini. Nessun annuncio ma idee ben chiare

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui