Varese – Il Campus accarezza il sogno di sgambettare la forte Omegna per 35′ abbondanti, ma poi si deve arrendere al maggior tasso tecnico e di esperienza dei piemontesi che negli ultimi 5′ effettuano le giocate giuste. Rimane il succo di una prova veramente degna di nota da parte dei giovani varesini che, privi di Virginio con la A a Treviso e con un Zhao in ombra (8 punti con un laconico 3/14 dal campo), comandano il match praticamente fino al 30′ raggiungendo anche un margine di 11 punti al 17′ con Golino ad infilare la tripla del 39-28 su assist di un Blair molto positivo seppur al netto dello 0/4 dalla lunga distanza. Per lui anche 5 assist e 6 falli subiti oltre a 7 rimbalzi in una serata in cui è stato costantemente pericoloso nella metà campo offensiva. Sul primo strappo di Omegna diventa fondamentale il contributo di Assui: due bombe in fila del lungo valgono l’aggancio a quota 71 al 35′. Una gara pazzesca del lungo varesino che capitalizza anche 11 rimbalzi per un 17 di valutazione. Qui, però, esce l’esperienza della compagine piemontese: con un Balanzoni efficace e un Picarelli che paga ottimi dividendi per tutti i 40′, Omegna sfrutta anche un paio di palle perse dei varesini per allungare nel finale e portare a casa due punti estremamente sudati. Da segnalare anche la prova di Kouassi: il lungo del Campus ha avuto impatto sulla gara, pur in presenza di una Omegna con lunghi solidi ed esperti.

Campus Varese – Paffoni Omegna 79-90 (42-38)
Varese: Blair 12 (5/7, 0/4), Allegretti 8 (1/2, 2/4), Sorrentino ne, Bottelli 9 (3/6, 1/1), Zhao 8 (1/7, 2/7), Golino 12 (2/2, 2/2), Tapparo 7 (0/1, 2/5), Assui 9 (1/2, 2/5), Veronesi 5 (1/4, 1/6), Kouassi 9 (3/5, 1/2). All. Donati.
Omegna: Minoli 9 (3/5, 1/1), Marini 6 (3/4, 0/1), Picarelli 18 (4/4, 1/3), Antelli 2 (1/3), Balanzoni 10 (5/12), Segala 6 (3/4, 0/2), Torgano 20 (2/3, 5/8), Markovic 6 (0/5, 0/3), Miljanic, Forte ne, Puppieni ne, Solaroli 13 (4/4, 1/1). All. Quilici.

Matteo Gallo

Articolo precedenteUnion Villa Cassano, l’amarezza di una finale persa, l’orgoglio per un cammino meraviglioso
Articolo successivo2 aprile – Acerbi: “Il gol era viziato da un fallo di mano, ma la Juve ha interpretato meglio la partita e vinto meritatamente”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui