Il Città di Varese capitola al Fausto Coppi di Tortona: dopo la bella prestazione contro il Ligorna, mister Rossi si aspettava senz’altro qualcosa di più da parte dei suoi ragazzi. Invece quel qualcosa è mancato, e al Derthona è bastato il minimo sforzo per portare a casa il massimo risultato: rigore di Manasiev, 1-0 e partita in ghiaccio.

Al netto del risultato, a Rossi è comunque piaciuto l’atteggiamento della sua squadra: “La prestazione caratteriale c’è stata: nel primo tempo ci siamo fatti sentire, seppur con qualche errore di misura. In generale c’è stato comunque un discreto equilibrio, e anche nella ripresa nessuna delle due squadre è riuscita a prevalere nettamente sull’altra; partite del genere si decidono con gli episodi, quando vinci festeggi, quando perdi spieghi“.

Alla luce di questa affermazione, la spiegazione non può mancare e la disamina del tecnico torinese si sofferma sui cambi. Se contro il Ligrona gli ingressi dalla panchina aveva dato un notevole apporto alla squadra, quest’oggi non è andata allo stesso modo. “Mi aspettavo di più da chi è entrato – commenta troppi giri di parole Rossi -. D’Orazio ha avuto qualche linea di febbre durante la settimana e ho voluto toglierlo per dargli un po’ di riposo; Premoli ha già fatto il playmaker ed era l’unico di quelli in panchina con il giusto livello di fisicità per sostituirlo. Poi, nel momento in cui è uscito Diallo, ho inserito Minaj e Disabato per avere più qualità soprattutto in mezzo al campo: forse Disabato non è ancora in condizione ma sicuramente mi aspettavo di più. Infine, non possiamo buttare la croce addosso ad un ragazzo di 18 anni, ma l’occasione di Aiolfi era più facile da segnare che da sbagliare…“.

Il città di Varese dovrà ora esser bravo ad archiviare questa sconfitta ripartendo da domenica prossima al Franco Ossola contro il Sestri Levante, con un Di Renzo in meno. L’attaccante biancorosso, a conti fatti, è stato indubbiamente tra i migliori sacrificandosi in ogni zona del campo, ma l’ingenuità sull’occasione del rigore pesa doppiamente: sconfitta odierna e squalifica per la prossima gara. “Di Renzo ha fatto un’ottima partita – commenta Rossi-. Peccato per l’espulsione che reputo troppo severa: anche l’arbitro mi ha detto che si stava proteggendo la faccia, per cui oltre al danno la beffa. Per settimana prossima ci studieremo qualcosa nella speranza di avere Mamah, che probabilmente si è rotto il naso. Ci rialzeremo da squadra“.

Matteo Carraro

2 Commenti

  1. Il problema è la mancanza del centravanti titolare a doppia cifra. Per il resto è una buona squadra sicuramente migliore dello scorso anno. Ma se i gol non si fanno e manca chi li deve fare, non vedo molte prospettive. Infortuni su infortuni, ormai è una triste realtà abbastanza sconfortante

  2. Bisognerebbe trovare una punta centrale che la butta e pronta a giocare 90 minuti da subito. Praticamente impossibile perché penso che anche uno svincolato, ammesso si trovi, prima di rendere dovrà trovare la condizione. Ero favorevole anch’io alla riconferma di Ebagua, ma visto come è finita si è valutata male la situazione. Comunque il campionato è lungo e anche oggi “incerto” la prima perde contro l’ultima. Sosteniamo mister e ragazzi fino alla fine, se non sbaglio ci sono ancora 28 partite e un mercato.

Rispondi a Dario Cancella la risposta

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui