Una serata di festa, divertimento e di grande felicità quella organizzata da Il Basket Siamo Noi in piazza Monte Grappa con un aperitivo al bar Il Tenente che è stato teatro dell’incontro con il neo coach biancorosso Adriano Vertemati.

Dopo la presentazione alla stampa di questa mattina, è andata in scena una serata che è servita soprattutto per far conoscere a tanti tifosi il nuovo condottiero biancorosso e per far saggiare a Vertemati il calore e lo spirito varesino.
Michele Nidola, tifoso  accorso per l’occasione racconta così le prime impressioni sul nuovo coach e sulla stagione che verrà: “Le prime impressioni sono ottime. Una bella persona che esprime fiducia. A me piace guardare le persone negli occhi e lui mi dà questa sensazione. Sicuramente il fatto di partire con un nucleo di italiani forte è importante, anche per poter poi concentrarsi sull’acquisto di quelli che saranno i ¾ stranieri che saranno chiamati a fare la differenza. Magari non si potrà puntare subito ai playoff, però può essere un obiettivo da centrare in più stagioni sotto la sua guida. Mi aspetto un’annata, quella prossima all’insegna di una salvezza tranquilla, sperando chissà anche subito magari nei playoff, ma comunque non soffrendo come quest’anno”.

Emozionati i tifosi così come lo stesso Vertemati, in una giornata vissuta al massimo tra presentazione ufficiale e questo primo incontro con il cuore pulsante di Varese: “Una giornata molto bella, lunga, perché non mi sono fermato un minuto, dalla conferenza stampa di stamane al meeting con Conti, al pranzo societario, finendo con l’aperitivo stasera. Tante cose tutte molto belle e che ti fanno capire quanto e come Varese viva la Pallacanestro e sono onorato di essere qui. Oggi ho avuto anche il piacere di parlare con il capitano, Giancarlo Ferrero e sono rimasto positivamente colpito. Ogni posto ha le sue specificità ed è importante che ci siano giocatori che sappiano trasmettere i valori della squadra di appartenenza Giancarlo è qui da tantissimo tempo e per me sarà fondamentale il suo apporto nell’opera di trasferimento dei valori ai nuovi che arriveranno. Lui è consapevole di questo e mi aiuterà molto”.

Un’inziativa all’insegna de Il Basket Siamo Noi, che coglie un altra occasione per radunare tanti tifosi sotto lo spirito di famiglia, consumando bevande e cibarie tramite Italian Districts al fine di sostenere la causa Varesina come ricorda e sottolinea il presidente del trust dei tifosi, Umberto Argieri “Sono molto soddisfatto di questa serata. Partendo dall’allenatore la prima impressione è super positiva. Per ora non lo voglio giudicare, perché per quello ci penserà il campo, però per come si pone, per come si presenta, per il modo di saper parlare mi lascia molto di buon auspicio per il proseguio della stagione. Per andare invece sul discorso Italian Districts devo dire che sono molto soddisfatto delle prime reazioni, che sono state  molto positive. La macchina è importante, va spiegata bene, non è una cosa immediata. È un progetto che va spiegato. Noi siamo stra contenti. A detta dei ragazzi di Trieste che lo hanno inventato, il clima che hanno trovato qui a Varese come voglia di fare, come spirito nell’etere ed avvicinarsi all’iniziativa, la nostra piazza è unica. Ora va spiegata bene e sponsorizzata ancora meglio, in un processo di marketing puro, per sostenere al massimo la causa “.

Alessandro Burin

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui