Non potevano mancare i rappresentanti del ciclismo eroico sui percorsi permanenti della “Sulle strade di Alfredo Binda”. Ieri è stato Luca Carraro, pedalatore appassionato del ciclismo di un tempo che per primo si è cimentato nell’iniziativa voluta da Ciclovarese, con il supporto della Varese Sport Commission e del Panathlon International Club Varese, e l’aspetto tecnico curato dai team AmiciBici, Funtos Bike e Gruppo Sportivo Contini.
Dopo avere effettuato l’iscrizione all’hotel La Bussola di Cittiglio, il ciclistica eroico ha inforcato la sua bicicletta: una Peugeot del 1924 modello Tour de France e ha pedalato sul tracciato più breve con il rapporto 44×18 con l’abbigliamento consono al suo mezzo.

“Sulla salita da Rancio Valcuvia a  Brinzio – ha affermato Carraro – qualcuno mi ha affiancato consigliandomi di cambiare rapporto. Poi, vedendo la bicicletta, si è complimentato”.
L’iniziativa legata ai percorsi permanenti del Varesotto continua e vivrà una giornata particolare domenica 19 luglio quando a Cittiglio si ricorderà Alfredo Binda in occasione del’anniversario della sua scomparsa. I percorsi permanenti sono fruibili tutti i giorni (escluso i martedì), l’adesione è libera a tutti.
Per tutte le info è possibile visitare il sito www.sullestradedibinda.it   –  [email protected].   

Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui