Negli ultimi giorni si è scritto tanto sulla possibile fusione tra Città di Varese e Busto 81 che avrebbe garantito ai biancorossi la possibilità di partecipare al campionato di Serie D. Proprio su queste pagine, l’11 giugno, avevamo anticipato questa possibile soluzione agevolata dal cambio delle regole della LND per le fusioni.
Il comunicato ufficiale pubblicato sulla pagina Facebook del Città di Varese ha tolto ogni dubbio: ora è certo: Varese avrà una squadra nella Serie A dei dilettanti. Non sono stati fatti ancora i nome delle nuove figure che si faranno carico di portare avanti i colori biancorossi, ma una cosa è sicura: chi c’era continuerà ad esserci nella nuova struttura societaria. Mancano ancora alcuni i dettagli, ma per oggi… facciamo festa, il Varese è tornato.

Oggi è giunto il momento di mettere qualche parola di chiarezza in merito a quanto sta accadendo intorno alla nostra società in queste settimane. Scegliamo di usare il mezzo che ci è stato, fin dall’inizio, più congeniale per evitare che sorgano fraintendimenti.
Del resto basta andare a rileggere i primi due post del luglio scorso per ritrovare l’origine di quello che sta accadendo.
In questi giorni abbiamo raggiunto l’accordo con la ASD Busto 81 per addivenire ad una fusione che permetta al Città di Varese di iscriversi al prossimo campionato di serie D. La fusione non è ancora stata fatta e rimangono alcuni snodi burocratici da risolvere, ma ci sembra giusto condividere questo momento con tutti voi.
Il Città di Varese è nato, a luglio dello scorso anno, per mantenere accesa la fiammella del calcio a Varese. Abbiamo detto da subito che avremmo provato a trovare la via migliore per riavvicinare il “calcio che conta” ai colori biancorossi.
Nel nostro programma iniziale erano previste almeno due stagioni “ordinarie” dato che i regolamenti non permettevano la fusione per società con meno di 2 stagioni di attività. A causa dell’emergenza Covid 19 è stata emanata una norma che, eccezionalmente, ha abbassato questo periodo minimo ad una stagione sola. Noi una stagione l’abbiamo fatta e l’abbiamo onorata fino a quando è stato possibile farlo.
Nel momento in cui si è prospettata la possibilità di tornare immediatamente al massimo campionato dilettantistico ci siamo quindi chiesti se fosse il momento adatto.
La risposta è stata certa: si.
Probabilmente una congiuntura così precisa di condizioni ideali per questo “salto” non si potrà più presentare. Sarebbe stato assurdo sprecare questa occasione.
Ora, nel giro di pochi giorni, sapremo se l’iter della fusione è stato portato a compimento. Noi ne siamo certi.
Nel momento in cui andremo a formalizzare l’iscrizione al campionato di serie D saremo più approfonditi nel presentare questa nuova fase del Città di Varese, ma fino da ora vogliamo mettere alcuni punti:
1) Il Città di Varese, con le sue idee e il suo progetto, continua la sua pur se ancora breve storia. Si adeguerà alle condizioni di un campionato di ben altra levatura rispetto alla scorsa stagione, ma non perderà di identità. Chi ha creato questa società quindi continuerà ad occuparsene.
2) La questione strutture resta centrale nel nostro progetto. Non si può pensare di fare calcio seriamente senza una crescita da questo punto di vista. Ci lavoreremo da subito e chi si è avvicinato a noi condivide questa necessità. Ci saranno quindi passi concreti molto presto.
3) La valorizzazione del rapporto con il territorio sarà sempre un punto focale per ogni nostra scelta. Questo passerà tanto dall’aspetto più squisitamente tecnico quanto dai rapporti con i tifosi, le istituzioni e le realtà imprenditoriali che vorranno condividere il nostro progetto.
4) Trasparenza di scelte e condivisione continueranno ad essere per noi un punto necessario. Continueremo a dire solo ciò che abbiamo fatto o che stiamo facendo. Nessun programma pluriennale basato su meri desideri. Quello che sta accedendo crediamo che lo dimostri in modo molto evidente.
Ci stiamo preparando ad una stagione che mai avremmo potuto immaginare quando abbiamo deciso di iscriverci al campionato di Terza Categoria nel mese di agosto 2019.
Forza Varese!!!

Redazione

1 commento

  1. Serve che a capo di tutto ci sia qualcuno che fa economia reale. Se no siamo punto e accapo. Chi ha sostenuto fin qui il Busto 81 ha la solidità per dare una prospettiva importante alla piazza? Servono risposte chiare, da subito.

Rispondi a Prip Cancella la risposta

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui