Il Città di Varese a caccia di conferme. Sassarini avvisa il Vado: “33 partite da vincere”

0
265

Il Città di Varese ha l’opportunità di iniziare un nuovo campionato: dopo quattro giornate storte sotto tutti i punti di vista, occorre dare continuità al 4-0 sul Fossano e la parola d’ordine del match di domenica contro il Vado è “vincere”, per quello che sarebbe il primo successo al “Franco Ossola” del nuovo corso biancorosso. “Ottenere i tre punti sarebbe fondamentale – esordisce Sassarini – perché dobbiamo dare continuità non solo alle buone prestazioni ma ai risultati“.

Alla vigilia del match l’attenzione non può non andare sulle assenze. Ai lungodegenti Siaulys, Malvestiti, Disabato e Scampini si aggiungono Polo (che già prima di Fossano aveva accusato un problema di tendinite), Beak (stiramento durante la scorsa partita) e Otelè che ha avuto una contrattura nella rifinitura. Arruolabili Negri e Nicastri, i quali si candidano a una maglia da titolare sulle fasce dove dovrebbero essere confermati Petito e Ammirati. In mezzo potrebbe rientrare Simonetto, ma i titolari saranno ancora Viscomi e Mapelli davanti a Lassi tra i pali. Scelte obbligate a centrocampo dove Snidarcig affiancherà Guitto, mentre davanti riconfermato il tandem Lillo-Balla con Capelli a sinistra e Minaj a destra, anche se Fall e Mamah scalpitano.

Malgrado le assenze Sassarini è tranquillo: “A centrocampo ci mancano tre uomini, ma non sono preoccupato perché la rosa mi può offrire diverse soluzioni. Un 4-4-2 di base si può smontare in più modi e le alternative non mi mancano». Nel reparto offensivo c’è invece il “problema” opposto, con una grande abbondanza di qualità e quantità: «In questo momento abbiamo trovato una quadra là davanti, ma per le loro caratteristiche i miei giocatori sono assolutamente interscambiabili. È un’alternativa preziosa, ma rientra in un percorso che struttureremo più avanti, perché ora l’importante è trovare e mantenere la nostra stabilità“.

Cambia l’avversario, ma non la mentalità. “Siamo in crescita e continuiamo a migliorare – spiega Sassarini – seguendo con costanza il percorso avviato la scorsa estate. Il Città di Varese scenderà in campo con il solito obiettivo: condurre il gioco, disputare una partita propositiva e cercare il più possibile la via del gol“. I biancorossi arrivano alla sfida con più tranquillità per aver sbloccato la classifica e trovato i primi gol stagionali, ma Sassarini tiene alta la guardia: “Nel calcio non esiste la tranquillità e bisogna sempre dimostrare qualcosa; in settimana abbiamo lavorato bene, domani dovremo confermarlo sul campo”.

Di contro il Vado non attraversa il suo miglior momento: i liguri sono reduci dal secco ko interno (0-2) contro il Pont Donnaz, e in generale non hanno convinto in questo inizio di campionato. Una sola vittoria (2-0 vs Borgosesia nella 3^ Giornata) a fronte di due pareggi e tre sconfitte, cinque gol fatti e nove subìti; numeri che si traducono negli attuali cinque punti in classifica, che permetterebbero al Città di Varese il sorpasso in caso di vittoria. “Non guardiamo la classifica – conclude Sassarini – e nemmeno gli avversari; dobbiamo guardare solo a noi stessi e pensare che abbiamo potenzialmente 33 partite da vincere“.

Matteo Carraro

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here