13.6 C
Comune di Varese
Home Basket C Gold 4^ promozione e salvezza – Gazzada per rompere il ghiaccio, Busto per stupire ancora. Nava: “Mina vagante”

C Gold 4^ promozione e salvezza – Gazzada per rompere il ghiaccio, Busto per stupire ancora. Nava: “Mina vagante”

0
C Gold 4^ promozione e salvezza – Gazzada per rompere il ghiaccio, Busto per stupire ancora. Nava: “Mina vagante”

Piadena imbattibile. E Busto Arsizio, allora? Dopo tre giornate nella poule-promozione di serie C Gold spiccano, risultati alla mano, non tanto le tre vittorie consecutive, peraltro ampiamente pronosticate, conquistate dal team cremonese quanto quelle ottenute dalla formazione bustocca. Busto, infatti, partita sotto traccia e poco considerata, ha messo finora al muro squadre più quotate, successi in trasferta a Romano e Gardone, producendo una pallacanestro brillantissima sui due lati del campo.
“Stiamo attraversando un buonissimo periodo di forma – conferma Gianni Nava, coach di Busto – che allargando un po’ di più il raggio visivo segnala un dato eloquente: la mia squadra tra la fine della prima fase e l’inizio di questa “poule” è arrivata a ben otto vittorie di fila, striscia ovviamente ancora aperta. Un filotto che è frutto di tanti elementi positivi, vedi l’eccellente lavoro tecnico e fisico svolto in palestra; vedi il ritorno alla condizione ottimale della coppia Atsur-Vai e soprattutto la consapevolezza tecnica e mentale di un gruppo che, dopo mesi di lavoro, ha finalmente trovato i suoi equilibri”.

Quali, per esempio?
“Prima di tutto abbiamo consolidato il nostro lavoro difensivo e – continua Nava -, oggi siamo in grado di proporre armi vincenti come aggressività, intensità e presenza tattica per tutti i quaranta minuti. Poi, alcuni giocatori, si sono calati alla perfezione nel ruolo richiesto e, di conseguenza, tutta la squadra ha cominciato a giocare con un altro livello di efficacia. Così Arui è, adesso, un playmaker più “cerebrale” e attento alle esigenze di tutti. Così, i lunghi, si stanno impegnando al massimo nel produrre legna, ovvero mettere a referto tante cose utili ma poco appariscenti. Così, infine, la coppia Atsur-Vai, che in attacco viaggia a ritmi elevatissimi, è diventata il punto di riferimento imprescindibile di ogni possesso offensivo”.

Dopo aver calato un sorprendente “tris”, quanto cambiano le vostre prospettive?
“Non cambiano di una virgola perchè – spiega il tecnico rhodense – il nostro “scudetto” lo abbiamo comunque già vinto conquistando, da neopromossi, salvezza e poule. Inoltre, ha ragione Tiziano Barbera, nostro sponsor, amico e primo tifoso nel ricordarci la strada percorsa ed il fatto che diciotto mesi fa eravamo ancora in serie D. Detto questo, è chiaro che l’etichetta di possibile mina vagante ci piace e faremo di tutto per piazzare altri colpacci. Infine, parlando in termini tecnici, aggiungo che nelle prime tre giornate abbiamo comunque affrontato squadre della nostra stessa fascia, mentre le gare difficili, i test veri, devono ancora arrivare e solo vincendo qualcuno degli scontri con le squadre d’alta classifica potremo ambire ad una posizione tra le prime otto”.

Che idea ti sei fatto circa i valori espressi fin qui?
“Al momento, ho una sola certezza, peraltro confermata dalla cifre: Piadena sembra aver già messo in tasca uno dei due posti che valgono la promozione in DNB. Per il secondo ci sarà grandissima lotta aperta ad almeno sette formazioni: Gazzada, Saronno e Milano dell’ovest; Lumezzane, Soresina, Prevalle e Pizzighettone per l’est”.

Chiudiamo con il ritorno della schedina partendo da Gallarate-Piadena?
“2”.

Iseo-Saronno?
“2”.

Gazzada-Lumezzane?
“Grande gara con Gazzada che finalmente romperà il ghiaccio in casa: 1”.

Valceresio-Romano?
“1 fisso, anche perché Romano mi è sembrata abbastanza appagata”.

Cermenate-Gardonese?
“1”.

Soresina-Nerviano?
“1”.

Milano3-Prevalle?
“1”.

Infine, la tua gara: Bustese-Pizzighettone?
“Ovviamente 1, sapendo però che, sulla carta, Pizzighettone è squadra di altra fascia e con ben altre ambizioni rispetto a noi. Loro hanno giocatori super come Lulic, Foti, Montanari, Pedrini, Gerli, ma anche una panchina lunga e in grado di proporre tanta qualità. Chiavi della gara saranno il nostro approccio difensivo e la capacità di cambiare ritmo in attacco in un match che sarà certamente tiratissimo”.

POULE-PROMOZIONE

RISULTATI TERZA GIORNATA
Saronno-Prevalle 88-70
Gazzada-Soresina 60-69
Nerviano-Iseo 73-62
Pizzighettone-Cermenate 81-55
Romano di Lombardia-Bustese 63-80
Piadena-Milano3 76-61
Lumezzane-Gallarate 75-69
Gardonese-Valceresio 72-64

CLASSIFICA
Piadena 30; Gazzada, Pizzighettone 22; Soresina, Saronno 20; Milano3, Prevalle, Lumezzane 18; Bustese, Nerviano, Cermenate 16; Gallarate 14; Romano, Valceresio, Gardonese 12; Iseo 6.

QUARTA GIORNATA
Sabato

ore 19.30
Gallarate-Piadena
ore 21
Iseo-Saronno
Gazzada-Lumezzane
ore 21.15
Valceresio-Romano
Domenica
ore 18
Bustese-Pizzighettone
Cermenate-Gardonese
Soresina-Nerviano
ore 18.30
Milano3-Prevalle


POULE  RETROCESSIONE
Nella poule per non retrocedere Cislago, battuta in casa da Lissone e incassato il terzo stop consecutivo, vede allontanarsi ulteriormente la possibilità di agguantare la salvezza diretta. Al momento la prospettiva playout sembra essere, realisticamente, quella più probabile. A meno di un brusco e potente riscatto a cominciare dalla gara, va da sé, proibitiva, in programma domani sera a Cernusco.

RISULTATI TERZA GIORNATA
Cantù-Cernusco 64-68
Mortara-Pall.Milano 65-85
Cislago-Lissone 60-69
Opera-Cremona 66-69
Erba-Bergamo 46-63
Riposa Sustinente.

CLASSIFICA
Cernusco 24; Lissone 20; Mortara 18; Pall.Milano 16; Opera, Sustinente 10; Cremona 8; Cislago, Erba, Cantù, Bergamo 6

QUARTA GIORNATA
Cernusco-Cislago
Lissone-Opera
Pall. Milano-Cantù
Cremona-Erba
Sustinente-Mortara
Riposa: Bergamo

 Massimo Turconi
(foto Micaela Fino)