13.6 C
Comune di Varese
Home Calcio 17^ giornata – Vince il Lonate Ceppino, non molla il Bosto. San Michele di misura, poker Aurora Induno

17^ giornata – Vince il Lonate Ceppino, non molla il Bosto. San Michele di misura, poker Aurora Induno

0
17^ giornata – Vince il Lonate Ceppino, non molla il Bosto. San Michele di misura, poker Aurora Induno

GAVIRATE – Basta un solo errore, una banale palla persa del Laveno a condizionare il risultato di una gara estremamente equilibrata. Il gol del San Michele arriva proprio da questo errore, sbloccando una gara che fino a quel momento pareva dovesse stabilirsi sul pareggio. Il Laveno poi ha anche l’opportunità di pareggiare su rigore, ma Reale fallisce il calcio dal dischetto.

San MichelePRIMO TEMPO – La gara comincia subito su ritmi molto alti, entrambe le squadre provano a costruire azioni pericolose attraverso il gioco palla a terra. Il primo tiro in porta è una conclusione da fuori di Favalli, poco potente e tantomeno precisa. Per il San Michele ci prova Nicora con una punizione dal limite, poco alta sulla traversa, poi Caturano con una bella botta dalla distanza, fermata solo dall’ottimo intervento di Crugnola. Dopo una prima fase di assestamento, è il San Michele a controllare la gara, provando a creare gioco nella metacampo avversaria ma senza mai creare grandissime occasioni. Circa a metà primo tempo anche il Laveno si fa vedere in zona offensiva, aprendo bene sulle fasce e cercando sempre la testa dei suoi attaccanti. Il pressing degli ospiti è efficace e induce il San Michele a qualche errore in fase di impostazione, in una fase finale di primo tempo che non offre grandi occasioni. Entrambe le squadre riescono ad avvicinarsi pericolosamente all’area avversaria ma fanno una grande fatica a concludere. Il primo tempo si conclude sul punteggio di 0-0.

LavenoSECONDO TEMPO – Pronti, via e arriva il gol del vantaggio del San Michele, con una banale palla persa del Laveno sulla propria trequarti che libera D’Andolfi, solo davanti a Crugnola. Il numero 10 del San Michele non sbaglia e regala ai suoi la gioia del vantaggio. Nei minuti successivi la gara si anima ulteriormente, con i padroni di casa ancora pericolosi con Ciccone e lo stesso D’Andolfi, mentre il Laveno prova a colpire in contropiede con un paio di belle iniziative di Malnati. È il quindicesimo quando una grande iniziativa sulla destra di Pezzi si trasforma in un rigore, quando Piccinelli lo atterra nettamente in area. Sul dischetto va Reale, che però tira largo a destra, con il punteggio che rimane sull’1-0 e ancora una mezz’ora da giocare in superiorità numerica per il Laveno. Gli ospiti quindi si scagliano all’attacco, e con Luvini trovano una grande occasione, quando il suo colpo di testa è fermato solo da un bel colpo di reni di De Leo. Anche Favalli, sempre di testa, prova a riequilibrare il risultato, ma il pallone è di poco largo. Il San Michele sfiora il raddoppio con una bella punizone, rasoterra ed angolata, da parte di Bartolomei. È appena cominciato l’ultimo quarto d’ora di gara quando Reale, pescato bene da Pivetta, prova una conclusione al volo dalla fascia sinistra che esce di poco. Nei minuti finali la gara si fa sempre più intensa e spezzettata, con il Laveno che cerca sempre il pareggio attraverso le fasce, ma non riesce ad agguantare il punto sperato. La gara si conclude sull’1-0.

I MIGLIORI IN CAMPO
San Michele:
D’Andolfi 7: in una gara finita sul punteggio di 1-0, è difficile non premiare l’autore del gol. D’Andolfi non solo sigla la rete della vittoria, ma è anche l’uomo più pericoloso del tridente offensivo del San Michele, in una giornata non brillantissima per Ciccone e Nicora.
Laveno Mombello: Pezzi 6.5: su entrambe le fasce, l’uomo più pericoloso del Laveno. Si procura il rigore e il suo passo è difficile da contenere per i difensori del San Michele.

I COMMENTI
Lorenzi (allenatore San Michele): “Nel primo tempo non abbiamo fatto bene, non avevamo la determinazione che serve per stare in alto. Ci sta anche soffrire contro una buona squadra, ma la reazione mi è piaciuta, abbiamo avuto anche un pizzico di fortuna.”
Colucci (allenatore Laveno): “Sono contento della prestazione, abbiamo giocato bene anche in parità numerica, abbiamo fatto un solo errore che ha portato al loro gol. Probabilmente ci manca il finalizzatore che chiude le azioni che costruiamo.”

IL TABELLINO
SAN MICHELE CALCIO – LAVENO MOMBELLO 1-0 (0-0)
San Michele:
De Leo, Agosti, Piccinelli, Ghezzi (1’ st Danieli) , Ena (1’ st Bartolomei), Caturano, Bilato, Ciccone (27’ st Mastropietro), D’Andolfi (36’ st De Taddeo), Nicora (13’ st Nicora). A disposizione: Bianchi, De Taddeo, Mastropietro, Danieli, Nicora, Ciceri, Bottelli, Bartolomei, Landi. All: Lorenzi
Laveno Mombello: Crugnola, Favalli, Pivetta, Busacca, Fadda, Pinton, Malnati, Vicentin, Luvini, Reale, Pezzi (42’ st Confessore). A disposizione: Carlesso, Basso, Calabrese, Confessore, Giannone, Lago, Pretari, Soccini, Iaconis. All: Piazzi
Arbitro: Manzoni di Varese
Marcatori: st: D’Andolfi 3’ (S)
Ammoniti: pt: Pinton 20’ (L), Malnati 44’ (L) st: Piccinelli 3’ (S), Danieli 25’ (S), Bilato 33’ (S)
Espulsi: st: Piccinelli 15’ (S)

Inviato Marco Mastrorilli

————————————————————————————————————————————————————

CAPOLAGO (VA) – Il Caravate, solitamente molto guardingo in fase difensiva (quarta miglior difesa del campionato prima di questo incontro), imbarca in una prima metà di gara dominata dal Bosto e subisce tre reti (Carabelli e doppietta di Tasco). Nella ripresa, poi, le tre sostituzioni iniziali di Minervino cambiano marcia alla formazione ospite che crea qualche buona occasione da rete, senza però perforare la retroguardia di casa. 3-0 è il risultato finale.

PRIMO TEMPO – Buona combinazione per il Bosto al 5’ con la transizione veloce guidata da Carabelli, che si accentra e scarica a sinistra per Piatti: conclusione debole per il centrocampista di casa. Risponde il Caravate con Giannantoni che vince un rimpallo sulla trequarti e trova Balistrocchi tutto solo sulla destra, Tuveri è monumentale a recuperare e a respingere in corner il tiro. Sblocca la partita al 18’ la squadra di casa con il solito lancio millimetrico di Tasco che pesca Carabelli davanti al portiere: il sinistro di controbalzo dell’11 gialloblù è preciso e il Bosto va in vantaggio. Passano sei minuti e c’è un corner per la squadra di casa: Tasco col sinistro va direttamente verso la porta, l’estremo difensore ospite buca in salto e la palla – dopo aver baciato il palo interno – entra per il 2-0. Il Caravate accusa il colpo e concede spazio al limite a Giardini che, al 31’, controlla benissimo su suggerimento di Carabelli ma calcia alto. La squadra di casa ha preso grande fiducia dalla prima mezz’ora e sfonda ancora al 37’, con la palla dentro per Piatti che si invola sulla destra e mette il filtrante basso per Tasco a centro area: col piede debole l’attaccante di casa incrocia e infila il decimo sigillo personale in campionato. Esce dal guscio la formazione ospite un minuto più tardi quando la palla esce pulita da calcio d’angolo e Gavazzi si coordina bene per la botta da fuori, palla alta di poco. Si va negli spogliatoi sul 3-0 per il Bosto.

SECONDO TEMPO – Triplo cambio per Minervino in apertura: Di Luca, Minchio e Rotella per Balistrocchi, Sinatra e Gavazzi; Granata e Gallo Stampino per Giardini e Tuveri tra i padroni di casa. La prima occasione della ripresa è per gli ospiti, che al 13’ vanno sulla destra da Rotella: ottimo intervento di Cecchini in tuffo sul destro secco dell’attaccante caravatese. Giannantoni e Carabelli raggiungono Federici nel taccuino degli ammoniti, mentre Borrelli lascia il posto a Bonanni. Di Luca fa tutto bene al 19’ nell’area avversaria, ma la conclusione è strozzata e finisce sul fondo. C’è anche Lombardo per Carabelli tra i padroni di casa. Il Bosto si fa vedere di nuovo in avanti con Gallo Stampino che si rende protagonista di una cavalcata palla al piede dopo aver anticipato un attaccante ospite: appoggio su Mezzalira, che va da Bonanni; Rottoli alza sopra la traversa il sinistro del centrocampista gialloblù. Anche Ennaour per Petri tra gli ospiti. Punizione pericolosa per il Caravate alla mezz’ora: va Di Luca col sinistro, palla rasoterra contro la barriera. Chemoli per Vista è l’ultima sostituzione tra i padroni di casa. Gli ospiti vanno ancora vicini ad accorciare al 39’ quando uno schema su punizione eseguito da Giannantoni e Di Luca libera il secondo al tiro da ottima posizione: palla ancora una volta sul fondo. Al Bosto basta poco per confezionare un’azione da gol: apertura col contagiri di Granata per Fronte largo a destra, filtrante per Bonanni e palla dentro precisa per Mezzalira appostato nell’area piccola. L’attaccante di casa, però, colpisce male e manca l’appuntamento col gol. Anche Bonanni, Gallo Stampino e il portiere Cecchini sul taccuino dei cattivi per i padroni di casa. Brutte notizie per il Bosto nel recupero, quando Lombardo rimane a terra dopo un contrasto con Giannantoni e viene portato fuori dai compagni. Si allunga sensibilmente il recupero e i gialloblù restano in dieci, ma il Caravate non confeziona ulteriori occasioni e la gara termina sul punteggio di 3-0.

I MIGLIORI IN CAMPO
Tasco (Calcio Bosto) 7.5:
nel primo tempo colleziona “bonus” a raffica firmando l’assist per il primo gol e le due reti (una direttamente da calcio d’angolo) con cui il Bosto chiude la pratica. Nel secondo tempo la squadra è meno vivace e ha meno occasioni per mettere in mostra il suo talento.
Di Luca (Caravate) 6.5: entra a inizio ripresa e cambia sensibilmente la squadra, creando apprensione nella difesa di casa quando si fa trovare sulle corsie esterne e procurandosi anche due occasioni da rete. In entrambi i casi, però, è impreciso al tiro.

IL TABELLINO
CALCIO BOSTO – CARAVATE 3-0 (3-0)
Calcio Bosto: Cecchini, Dicara, Tuveri (dal 7’ st Gallo Stampino), Fronte, Vista (dal 33’ st Chemoli), Piatti, Giardini (dal 7’ st Granata), Borrelli (dal 18’ st Bonanni), Mezzalira, Tasco, Carabelli (dal 24’ st Lombardo). A disposizione: Lazzarini, Pellegrini, Pisciottu, Pezzino. Allenatore: Epifani.
Caravate: Rottoli, Balistrocchi (dal 1’ st Minchio), Sinatra (dal 1’ st Di Luca), Casartelli, Infantino, Luminoso, Cabras (dal 13’ st Bogni), Gavazzi (dal 1’ st Rotella), Federici, Giannantoni, Petri (dal 25’ st Ennaour). A disposizione: Callegarini, Dal Bosco, Sellitti, Bottelli. Allenatore: Minervino.
Marcatori: pt: 18’ Carabelli (B), 24’ e 37’ Tasco (B).
Arbitro: Sig. De Rose di Varese.
Note: spettatori 60 circa. Pomeriggio freddo e soleggiato. Terreno di gioco in sintetico. Ammoniti: Federici (C), Giannantoni (C), Carabelli (B), Bonanni (B), Gallo Stampino (B), Cecchini (B). Angoli: 3-6. Recupero: 0’ + 9’.

Inviato Filippo Antonelli

————————————————————————————————————————————————————

INDUNO OLONA – L’Aurora Induno supera decisa la Ternatese. I padroni di casa hanno iniziato subito la gara con determinazione, ma la Ternatese ha retto bene nel primo tempo. Nel secondo tempo gli ospiti entrano bene in campo ma è proprio da un errore in ripartenza che l’ Induno sigla il vantaggio, il resto della gara è in discesa per l’Aurora.

Aurora IndunoPRIMO TEMPO – Aurora Induno in campo con un 4-4-2 classico, la Ternatese risponde proponendo un analogo schieramento. Parte forte l’Induno che cerca subito di schiaccire gli avversari. Al 2′ galloppata sulla fascia di Loritto ma il suo cross è troppo prevedibile. Azione sulla destra da parte Essoh che va sul fondo e mette al centro un assist al bacio per Casnici ma il suo tiro è fuori di poco. La Ternatese prova a reagire e a fare gioco ma fatica a costruire. Al 15′ brutta entrata di Casazza su Casnici che fortunatamente si rialza subito. Quattro minuti dopo lo stesso Casazza avanza con una bella incursione sulla destra, il suo tiro è di poco alto. L’Aurora insiste e un minuto dopo sfiora due volte il vantaggio con Bamba, che ci prova prima di destro da poco lontano dalla porta e subito dopo di testa, ma in entrambi i casi non è preciso. Azione avvolgente dell’Induno che passa da un lato all’altro del campo per allargare la difesa degli ospiti ma non riesce a sfondare. Al 30 Bamba raccoglie un lancio da dietro e si presenta da solo davanti a Pegoretti, tenta di dribrarlo ma l’estremo difensore è bravo a non farsi superare. La Ternatese ci prova con Zanzi che imbuca per Galante Ma l’attaccante nn riesce a impattare il pallone per concludere. Partita che inizia a bloccarsi, le squadre fanno fatica ad arrivare alla conclusione si va negli spogliatoi sullo 0 – 0.

TernateseSECONDO TEMPO – Gli ospiti partono carichi e provano a schiacciare gli avversari nei primi minuti del secondo tempo, ma perdono palla in ripartenza e Bamba è bravo ad approfittarne, questa volta non si fà ipnotizzare da Pegoretti e lo trafigge, vantaggio Induno al 11′. La Ternatesa va in confusione, è l’Induno che tiene il pallino del gioco e cerca il raddoppio con la coppia Caverzasi-Essoh sulla destra ma la Ternatese tanpona. Al 15′ Caverzasi commette fallo su Gumiero, l’arbitro lo ammonisce tra le proteste della panchina che non è convinta. Appena entrato per l’induno Bruno la mette dentro con un destro forte e preciso, ed è il raddoppio al 21′. Ormai la partita è in discesa per l’Induno che gestisce con sicurezza e sugli sviluppi di un corner segna il terzo gol con Moretti al 30′. La Ternatese prova a reagire con il nuovo entrato Sgarrini che conclude in porta sugli sviluppi di un azione dalla sinistra ma il tiro è largo. Nel finale c’è spazio anche per il quarto gol, contropiede dell’Aurora che porta quattro uomini in area avversaria, dopo una serie di rimpalli la palla finisce al solito Bamba che segna il gol della sua doppietta. Non succede più nulla, l’Aurora vinge con largo vantaggio.

I MIGLIORI IN CAMPO
Bamba (Induno Olona) 7 –
E’ l’uomo in più dell’Induno, la sua velocità e il suo dribling mettono in costante apprensione gli avversari.
Zanzi (Ternatese) 6 – Capitano e anima della squadra, lotta e cerca di tenere in piedi la squadra nel secondo tempo

I COMMENTI
Baj Ambrogio (Allenatore Induno Olona): “La nostra arma in più è stata il gioco di squadra, se giochiamo come oggi riusciamo a innescare le doti dei singoli. Per la classifica non cambia niente, abbiamo conquistato tre punti in più ma c’è ancora tanta strada da fare”.
Malfarà Antonio (Allenatore Ternatese): “Potevamo fare di più, dobbiamo ancora recuperare degli assenti in attacco. Non abbiamo giocato male, siamo andati in svantaggio praticamente su un nostro assist, poi sicuramente è mancata la reazione al gol subito. Vogliamo andare alla prossima partita per fare qualcosa di più”.

IL TABELLINO
Aurora Induno – Ternatese 4 – 0 (0 -0)
Aurora Induno:
Ambrosini 6,5. Essoh 6 (dal 18′ Medona), Loritto 6, Brambilla 6, Moretti 6,5, Zampieri 60, Bamba 7, Scaglia 6 (dal 26 St Vanoni sv), Caverzasi 6,5 (dal 18 st Bruno 6), Gonzalez 6(dal 30′ st Voza sv), Casnici 6. A disposizione: Medona, Disconzi, Vanoni, Voza, Novario, Bruno, Gerotti. Allenatore: Baj 6,5
Ternatese: Pegoretti 6, Casazza 6, Clerici 5,5 Croci 5,5 (dal 16′ st Ianni 5,5), Vanetti 6, Talerico 5,5, Zanzi 6, Gumiero 6, Galante 5,5 (dal 22′ st Sgarrini M 6), Bina 5,5 (dal 28′ st Zantomio sv), Viola 6. A disposizione: Borghesi, Vaglica, Sgarrini L, Seck, Ianni, Zantomio, Sgarrini M, Rossi. Allenatore: Malfarà 5,5
Arbitro: Zerbato di Varese
Marcatori: St:B amba 11′(A), Bruno 21′(A), Moretti 30′(A), Bamba 40′ (A)

Inviato Antonio La Montagna


LE ALTRE  Il Lonate Ceppino rialza subito la testa con una vittoria per 0-2 sul campo del Buguggiate, tre punti fondamentali per tenere a bada le inseguitrici Bosto e San Michele (entrambe vittoriose, rispettivamente su CaravateLaveno Mombello): settimana prossima ci sarà lo scontro diretto tra Lonate e Bosto.

Altro acuto importante del Ceresium Bisustum che sale al quarto posto sconfiggendo la Sommese sul campo di Porto Ceresio. Si sfila parzialmente anche la Cuassese che, dopo aver provvisoriamente ribaltato l’1-0 iniziale a Cairate, subisce la beffa del 2-2 nell’ultima parte della ripresa.

Nelle retrovie continua la risalita dell’Aurora Induno, travolgente sulla Ternatese. Importante successo anche per il San Luigi Albizzate nel derby contro i Sumirago Boys: gli albizzatesi ritornano così a -1 dal penultimo posto. La sfida tra Lavena TresianaCalcinatese, infine, è stata rinviata per terreno di gioco non praticabile a causa del ghiaccio.

RISULTATI E CLASSIFICA