Il presidente del comitato regionale Lombardia, Giuseppe Baretti, scende in campo e condanna gli episodi di violenza che si sono verificati sui campi dilettanti durante l’ultimo weekend. Ecco il suo comunicato ufficiale, un vero e proprio appello alle società:

Entrando nel vivo dei campionati della stagione sportiva 2017/2018 ed in vista del rush finale per tutte le categorie, mi corre l’obbligo di invitare tutti i dirigenti delle società affiliate a ribadire, nell’ambito dei propri club e fra tutti i propri tesserati, la necessità di improntare l’attività al rispetto dei principi basilari della correttezza e della lealtà sportiva.
Devo, infatti, mio malgrado registrare episodi, recentemente avvenuti, connotati da violenza o comunque non consoni allo spirito sportivo, ai danni anche di direttori di gara, che non sono assolutamente tollerabili nel mondo del calcio dilettantistico, giovanile, di calcio a undici o calcio a cinque che sia, in quanto avversi ai valori che il nostro sport propugna e sui quali l’attività stessa si basa.
Nell’evidenziare che non solo per chi personalmente si macchi di tali atti ma anche per le società d’appartenenza sono previste punizioni esemplari nei termini di squalifiche ed anche sanzioni pecuniarie, ricordo che il momento agonistico non può in nessun caso travalicare i confini della correttezza tra tutte le componenti in gioco nei diversi ruoli di calciatore, tecnico, dirigente, arbitro o semplice sostenitore.
A tutti quanti, auguro dunque un finale di campionato all’insegna della sana e corretta competizione sportiva.

Giuseppe Baretti

 

LEGGI:
Domenica di botte agli arbitri
Carabinieri a Buguggiate
La versione di Elvis Muca
Partita sospesa a Caronno Varesino

[email protected]