Playoff – La Rhodense liquida l’Olimpia e continua a sognare

0
37

RHO – La Rhodense continua il proprio percorso nei playoff sconfiggendo l’Olimpia 2002 con il risultato di 2-0. Grandissima prestazione degli Orange che sembrano essersi ripresi dalla sconfitta nello spareggio con la Castanese. Brutta partita invece per l’Olimpia che raramente ha messo davvero in pensiero i padroni di casa. 

Rhodense-OlimpiaPRIMO TEMPO – La Rhodense cerca di dimenticare la sconfitta di Domenica con la Castanese provando a tenere vivo l’obiettivo promozione, mentre l’Olimpia 2002 vuole fare un’altra vittima eccellente dopo aver battuto il Gavirate.La partita inizia con un ritmo rapido e con un gioco particolarmente veloce da parte di entrambe le squadre: l’Olimpia pressa di più sul portatore di palla avversario e predilige l’attacco sulla fascia destra controllata da Okaingni e Sassi, mentre la Rhodense riesce a muoversi molto rapidamente per vie centrali riuscendo a servire facilmente Beretta, punto di riferimento dell’attacco degli Orange di Rho. Sono proprio i rhodensi ad ottenere la prima occasione della partita al 7’: una grande galoppata sulla fascia sinistra di Borsani termina con un suo bel cross che trova il colpo di testa di Prada che però non riesce ad indirizzare al meglio il pallone a causa della marcatura dei difensori dell’Olimpia. L’Olimpia risponde al 15’ con un’azione di contropiede: Scaramazza prende il pallone dalla propria metà campo e percorre la fascia sinistra incontrastato, ma arrivato in area invece di servire Ba in area preferisce optare per il tiro che si rivela centrale e facile preda per Mantovani. La Rhodense torna in avanti al 21’ su calcio d’angolo: la battuta sul primo palo trova l’incursione di Oldani che con un pregevole colpo di testa sfiora il palo alla destra di Rinaldi. I padroni di casa creano molto e sfiorano ancora la rete al 25’: Beretta entra in area e serve Di Noto che scarica a sua volta sul compagno con un egregio colpo di tacco, ma il tiro di Beretta termina alto sopra la porta difesa da Rinaldi. Assedio Rhodense ancora al 27’: su un lancio lungo di un compagno, Beretta riesce a muoversi dietro a Brivio per perderlo e avere praticamente un rigore in movimento che però il numero 9 spara direttamente sui guantoni di Rinaldi. L’Olimpia prova a reagire, ma la difesa arancione è posizionata bene e limita gli inserimenti dell’Olimpia che si limita a gestire il possesso nella propria metà campo subendo il pressing intenso degli uomini di Crucitti. L’Olimpia però reagisce al 39’: sul rilancio di Rinaldi, Oldani e Zanus non si intendono e mancano la palla, ma per fortuna loro, Borella viene anticipato all’ultimo dall’uscita di Mantovani che raccoglie il pallone. Gli ospiti prendono coraggio e conquistano un corner al 41’: il cross di Brivio cerca la testa di Ba, ma è ancora l’uscita di Mantovani a negare la conclusione all’Olimpia. Termina così un primo tempo senza grandi emozioni, ma dominato prevalentemente dalla Rhodense.

 SECONDO TEMPO –Il secondo tempo non vede cambi e non vede nemmeno cambi nel dominio della partita, se non che questa volta la Rhodense trova la via del gol al 5’: un cross in mezzo dalla destra di Sala trova il tuffo di Beretta che approfittando della poca reattività di Rinaldi regala alla propria squadra un meritato e importante vantaggio. L’Olimpia deve per forza vincere per continuare la sua corsa ai playoff e assume quindi un atteggiamento offensivo sin da subito: al 9’, quello che sembrava un normale pallone da recuperare fuori dall’area per Mantovani diventa un mezzo pericolo in quanto per poco Borella non riesce ad anticipare il portiere della Rhodense con una zampata, salvo poi essere anticipato all’ultimo da Mantovani stesso. L’Olimpia lascia più spazi e la Rhodense prova ad approfittarne al 10’: la difesa biancoazzurra perde ingenuamente la palla in difesa e la regala a Prada che uno contro uno manda il pallone ad un soffio dal palo di un battuto Rinaldi. Grandissima occasione per l’OIimpia al 14’: il cross da destra supera l’area e trova solo Scaramazza dall’altra parte che serve Ba al limite dell’area. Il numero 10 salta l’intervento in scivolata di un difensore della Rhodense, ma poi trova un immenso Mantovani che devia il suo tiro preciso diretto verso l’angolino basso. La Rhodense prova a chiudere la partita ancora al 18’: Borsani trova un varco e serve Beretta al limite dell’area, ma l’attaccante controlla male alzandosi il pallone e tira ancora peggio servendo praticamente il portiere avversario. L’Olimpia si scambia tranquillamente il pallone nella retroguardia al 22’, ma Rinaldi subisce il pressing di Prada che gli ruba la sfera e costringe il numero 1 al fallo: cartellino rosso e calcio di rigore. Sul dischetto si presenta il capitano Castelnuovo che batte il neoentrato Boschini con una conclusione centrale per firmare il 2-0 della Rhodense.L’Olimpia deve fare tre gol per andare avanti nei playoff, ma i biancoazzurri non sembrano crederci più e la partita diventa nervosa e piena di interruzioni del direttore di gara con diversi confronti tra i giocatori a gioco fermo come lo scontro tra Borella e Hyso che per poco non sfocia in rissa o l’intervento di Prada su un giocatore dell’Olimpia a gioco fermo. La Rhodense ha però l’opportunità di mettere il punto esclamativo alla partita al 35’: Di Noto viene servito libero al centro dell’area da un compagno, ma la punta arriva male al tiro e spedisce il pallone incredibilmente a lato. Nonostante ciò, la Rhodense gestisce tranquillamente gli ultimi dieci minuti di gioco dove non si verificano grandi azioni da gol. Vittoria meritata dei padroni di casa che però devono anche ringraziare la troppa arrendevolezza dell’Olimpia.

I MIGLIORI IN CAMPO
Mantovani (Rhodense) – voto 7: La parata sul tiro di Ba vale quanto un gol ed è probabilmente il momento che porta definitivamente la partita sui binari voluti dalla Rhodense. Per il resto gestisce tranquillamente l’area dai pochi attacchi degli ospiti.
Okaingni(Olimpia 2002) – voto 6.5: Domina la sua fascia con la sua forza e velocità, anche se non cambia la partita come suo solito, nonostante ciò rimane un giocatore di una categoria superiore. La sua sostituzione sembra quasi un modo per alzare bandiera bianca per gli ospiti.

I COMMENTI
Crucitti (all. Rhodense): “Siamo contenti perché la squadra lo meritava aldilà della partita di Domenica scorsa dove la Castanese ha dimostrato di avere qualcosina in più rispetto a noi. Subito dietro di loro era giusto che arrivassimo noi e l’abbiamo dimostrato anche oggi: questa squadra sa reagire anche dopo i passi falsi ed anche oggi l’ha mostrato con un’ottima prestazione. In settimana abbiamo lavorato più sulla testa che sul fisico e la cosa ha funzionato. Ho detto a Beretta che avrebbe fatto gol perché oggi lo guardava sua figlia e infatti dopo la rete è andato subito ad abbracciarla. Dedichiamo questa vittoria anche al nostro capitano Davide Caruso che in settimana ha avuto la gioia di avere una bambina”.
Rinaldi (all. Olimpia 2002): “Il primo tempo lo abbiamo giocato bene, dovevamo solo non prendere gol subito nel secondo tempo per potercela giocare verso la fine. Se Ba avesse fatto il gol dell’1-1 la partita si riapriva, ma alla fine è andata così e anche il gol del 2-0 è nato da un nostro errore stupido”.

IL TABELLINO
Rhodense-Olimpia 2002 2-0 (0-0)
Rhodense:Mantovani7, Borsani 6 (dal 48’ st Tiriolo sv), Sala6, Hyso 6 (dal 31’ st Colombo 6), Zanus 6, Oldani 6, Mainardi 6, Castelnuovo 6.5, Beretta6.5, Di Noto 6 (dal 45’ st Vitale sv), Prada 6.5 (dal 33’ st Nosotti 6). A disposizione:Crespi, Nosotti, Uggeri, Vitale, Colombo, Tiriolo, Danci. Allenatore: Crucitti
Olimpia 2002:Rinaldi4.5, Calizzi 6 (dal 23’ st Boschini 6), Brivio 5.5, Okaingni 6.5 (dal 16’ st Piazza 6), Sassi 6, Pasci 6, Borella 6.5, Confeggi 6 (dal 9’ st Dall’Olmo 5.5), Niesi 5.5, Ba 5, Scaramazza 5.5. A disposizione:Boschini, Maino, Dell’Orto, Piazza, Montarese, Visconti, Dall’Olmo. Allenatore: Rinaldi
Arbitro: Casali (Nechita – Cucinotta)
Marcatori:st: 5’ Beretta (R), 23’ rig Castelnuovo (R.
Note – giornata soleggiata, campo in discrete condizioni. Recupero pt: 1’; st: 4’. Ammoniti: Hyso, Prada (R); Niesi (O). Espulsi: Rinaldi (O). Tiri (in porta): 11(4)-3(3). Angoli: 4-3.

 

Inviato Lorenzo Valentino