La sconfitta di sabato sera della UYBA in casa della Sab Legnano ha lasciato più di uno strascico. Innanzitutto oggi pomeriggio Stufi e compagne saranno di scena alla Candy Arena di Monza per un’amichevole contro la Saugella Monza, avversario principale nella battaglia verso il quarto posto; il test non era previsto da programma, ma è stato inserito in corsa da coach Mencarelli per tenere alta la tensione e il ritmo partita delle sue giocatrici.

Ma il ko nel derby al PalaBorsani, netto e senza storia, non è stato digerito nemmeno da patron Giuseppe Pirola che ieri sera ha voluto dire la sua durante la puntata di “Otto Secondi”, il programma settimanale prodotto e trasmesso da Unet Tv e condotto da Cesare Cadeo. Il presidente biancorosso non le ha mandate a dire ed è apparso piuttosto arrabbiato per l’atteggiamento tenuto in campo dalla sua squadra. “Da tre stagioni a questa parte poco prima o subito dopo il panettone inanelliamo una serie di sconfitte che sono più di testa che di squadra. A Legnano ho assistito alla più brutta battuta d’arresto da quando sono presidente della UYBA, ancora peggio di quella dell’anno scorso a Brescia. Abbiamo giocato senza carattere e senza voglia di lottare su ogni palla. Secondo me è questione anche di personalità che è mancata al cospetto di una squadra come Legnano che non vinceva un set dal 12 di dicembre”. 

Pirola non si è ancora confrontato con le sue giocatrici: “Non ho avuto tempo e neanche voglia di parlare alle ragazze: lascio loro il tempo di pensarci sopra e durante la settimana interverremo. Detto questo, dobbiamo guardare avanti perchè il momento clou della stagione arriva proprio adesso con le nostre dirette inseguitrici che nell’ultimo turno hanno fatto tutte bottino pieno e si sono avvicinate a noi“.
E il patron va ancora più a fondo: “Rispetto agli anni scorsi, quest’anno la squadra c’è, siamo più squadra ma non possiamo scivolare sulle bucce di banana. Chiedo più concentrazione soprattutto alle ragazze più giovani che, senza farne un caso, ho visto che hanno affrontato la trasferta in Turchia contro la squadra più forte del mondo un po’ alla leggera, mentre le più esperte del gruppo non hanno dormito di notte e l’hanno presa più seriamente. Forse mi aspettavo il contrario proprio perchè per le più giovani si trattava della prima volta in carriera di un match di così alto livello”. 

Quanto alla sfida esterna di domenica contro Conegliano, il presidente aggiunge: “Mi aspetto una reazione. Non mi interessa il risultato ma la prestazione anche perchè giovedì prossimo avremo l’Eczacibasi Istanbul in casa e per noi la Coppa Cev è un appuntamento importante. Vorremmo arrivarci in palla“.

L.P.