Insubria in festa. Playoff e playout, nodi da sciogliere

0
11

Dopo i verdetti emersi dal 27° turno, con la vittoria del campionato e la promozione in Prima categoria per l’Insubria, l’aritmetica salvezza per il San Luigi e la retrocessione del Viggiù, il campionato si appresta a vivere la sua 28ª giornata, nella quale quasi tutti gli incontri hanno una rilevanza in termini di classifica.

I nodi da sciogliere riguardano le formazioni partecipanti ai play-off e relativa la griglia di partenza e, in zona retrocessione, le due squadre che dovranno disputare i play-out. Per quanto riguarda la zona play-off,  sono tre le partite sui quali sono puntati i fari:  quella di Varese, dove i padroni di casa del San Michele affronteranno il Caravate, il match di Buguggiate dove i sorprendenti ragazzi di mister Pedretti se la vedranno con gli ospiti della Cuassese e l’incontro di Laveno, tra i gialloblù di Colucci e il Cantellorasa.

In casa San Michele, dopo l’inatteso scivolone di domenica scorsa sul campo del San Luigi Albizzate, costato la seconda piazza, si cerca l’immediato riscatto. Lorenzi è consapevole del momento importante per la sua squadra: “partita decisiva in chiave play-off per entrambe le squadre. La stiamo preparando all’insegna della serenità, con la voglia di lasciarci alle spalle la sconfitta di domenica scorsa. Fisicamente stiamo molte bene, conterà molto anche l’aspetto psicologico”. Sulla sponda Caravate c’è la voglia di coronare con l’accesso ai play-off una sorprendente stagione, come ci dice mister Minervino: “abbiamo fatto un’ottima stagione, ora dobbiamo centrare l’obiettivo play-off che è alla nostra portata. La sconfitta con il Buguggiate ha rimesso in corsa anche la formazione di Pedretti, noi abbiamo un buon vantaggio e la consapevolezza dei nostri mezzi. Ce la metteremo tutta”.

A Buguggiate, i padroni di casa di mister Pedretti si giocano le proprie possibilità di accesso ai play-off con la forza e la leggerezza di chi può solo vincere e sperare e non ha niente da perdere. Di fronte la Cuassese già certa di partecipare ai play-off, ma in piena bagarre per la conquista della seconda posizione. Classificia alla mano, match decisivo soprattutto per i padroni di casa. A Laveno il Cantellorasa si gioca una parte importante, seppur non ancora decisiva, della propria stagione, mister Baj, consapevole delle difficoltà e insidie del match, non rinuncia a una battuta di sintesi: “è senza ombra di dubbio una partita importante, contro una squadra difficile e ben allenata come il Laveno. Il campo dalle grandi dimensioni è un altro aspetto che potrebbe metterci in sofferenza. Noi siamo una squadra che se non ha problemi di tenuta mentale può giocarsela con chiunque, non dobbiamo avere cali di tensione, perché nonostante le grandi fatiche e l’impegno non abbiamo ottenuto ancora niente. Siamo a Roma, ma non abbiamo ancora visto il papa”.

La salvezza è la chiave di interesse di tutte le altre partite in programma questa domenica. L’Insubria festeggerà davanti ai propri tifosi la vittoria del campionato, ma di fronte si troverà il Sumirago Boys in piena lotta per evitare i play-out. Gli ospiti di mister Caponigro possono contare su un vantaggio di 4 punti rispetto a una rediviva Malnatese. Vantaggio che, a tre giornate dal termine, non può certo permettere rilassamenti. La Malnatese che nell’ultimo mese e mezzo ha risollevato le proprie sorti e, ora, può giocarsi insperate possibilità di evitare i  play-out cerca punti pesantissimi nella trasferta di Biandronno contro la Calcinatese. I padroni di casa di mister Squizzato non hanno più nulla da chiedere al torneo e la differenza di motivazioni potrebbe fare la differenza a favore degli ospiti. La Lavena Tresiana, quasi certa dei play-out, nell’incontro casalingo con l’Aurora Induno, pari ieri sera nel recupero con il Ceresium Bisustum,  si gioca le flebili possibilità di tenere accesa la fiammella della salvezza diretta. Possibilità che non è più nelle sole mani degli uomini di mister Caporali.

Viggiù-CeresiumBisustum e Ternatese-San Luigi sono partite di fine stagione, con formazioni che non hanno più niente da chiedere a questo torneo.

– PROGRAMMA E CLASSIFICA

Marco Gasparotto