Ilaria Spirito saluta la UYBA tra le lacrime: “Busto è casa mia”

0
36

ilaria spirito videoL’ufficialità del ritorno alla UYBA di Giulia Leonardi ha reso automatico e scontato l’addio di Ilaria Spirito. La maglia gialla del libero di Busto Arsizio tornerà ad essere indossata dunque da Leonardi che l’aveva lasciata nel 2015 a Poma, poi a Witkowska e Spirito nella stagione 2016/2017 e infine solo a Spirito nell’annata che si è conclusa da poco.
E proprio Spirito, arrivata giovanissima a Busto Arsizio (a 16 anni), cresciuta sotto al cupolone del Palayamamay, transitata per il Club Italia per poi tornare in viale Gabardi, ha voluto salutare con un videomessaggio i tifosi della UYBA e in particolare gli Amici delle Farfalle sul cui gruppo Facebook ha postato un video.

“E’ difficile trovare le parole, ma ho aspettato che uscisse l’ufficialità dell’arrivo del nuovo libero a Busto per dire due cose: la prima è che Busto era la mia priorità. La società ha preso una decisione diversa che non è dipesa da me e che ho dovuto accettare mio malgrado. Gli ultimi giorni sono stati complicati, ho provato una serie di emozioni incredibili dopo che mi hanno comunicato questa notizia, ma ora devo andare avanti per prepararmi per le nuove sfide che mi aspettato.

Il secondo motivo per il quale faccio questo videomessaggio è per ringraziarvi. Siete incredibili, siete sempre stati l’ottavo giocatore in campo per questa società. Mi avete accolto quanto avevo 16 anni e mi avete seguito anche al Club Italia. Ho conosciuto persone fantastiche con cui ho instaurato relazioni di amicizia fantastiche e che sono sicura andranno avanti ancora. Vi ringrazio anche da parte della mia famiglia; anche mia mamma e mio papà hanno costruito con voi rapporti importanti e vi prometto che vi porteremo sempre la focaccia.

E’ molto difficile per me riuscire a parlare in questo momento ma dovevo farlo per ringraziarvi e perchè vi meritate una spiegazione. Vi voglio un gran bene e spero di tornare da protagonista di nuovo al Palayamamay. Busto è casa mia e voi siete la mia famiglia. Siete la marcia in più di questa società. Un abbraccio

Laura Paganini
(foto di Alessandra Molinari)