Domenica 8 aprile al Differ Ariake Tokyo, organizzato dal BOM, Muzzi Hamdaoui del Team Combattimento.com Varese ha sfidato il giapponese Tatsuya Ishi sulla distanza delle cinque riprese da tre minuti in un incontro valido per il titolo intercontinentale dei pesi super leggeri 63,5 di Muay Thai della prestigiosa sigla WMC.
Se le prime battute sono state dedicate allo studio, dalla seconda ripresa in poi l’atleta italiano ha preso le misure e ha cominciato a portare colpi forti e a combattere a corta distanza con tecniche di gomito clinc ginocchiate e proiezione aggiudicandosi la seconda e la terza ripresa. All’ inizio della quarta è venuto fuori il giapponese che ha vinto la quarta e la quinta ripresa. Il match, dunque, é finito con verdetto pari.

Hamdaoui giapponeMi rimane un po’ l’amaro in bocca per aver sfiorato questo traguardo e per non aver portato la prestigiosa cintura in Italia – spiega Muzzi Hamdaoui -, ma è stato un onore poter combattere con questo forte atleta giapponese e in questa magnifica arena“.
La qualità e il lavoro svolto in questi anni stanno dando frutti: andare a competere in questi eventi e strappare un pareggio in casa loro è veramente un’impresa. Siamo pronti a migliorarci e come scuola cerchiamo persone normali per renderle vincenti – conclude il maestro Alessandro Aimetti -“. 

[email protected]