Giornata tipicamente autunnale quella di domenica, in occasione della 12^ edizione della Athlon Runner a Castiglione Olona.
Visto il maltempo, è scattato il piano B, ovvero spostare iscrizioni, ristoro e premiazioni nei locali del castello Monteruzzo. Forse per il clima, forse perché la sera prima molti avevano fatto baldoria alla “fra arte e degustazione”, forse per la concomitanza con troppe gare, sta di fatto che la partecipazione è stata un po’ al di sotto delle nostre attese con circa 500 gli iscritti totali.

Alle 8.45 si è partiti con l’inedito mini-giro di 600 metri, lungo il perimetro del parco. Un quarto d’ora dopo, il via delle due prove competitive: il corto di 3500 metri, riservato ai ragazzi da 11 a 15 anni, e il lungo di 9700 metri, con qualche piccola variazione obbligata rispetto all’anno scorso; seguiti a un paio di minuti dai nordic walkers.

athon runner castiglione olona 02Fra i ragazzi, i più veloci sono stati Filippo Saggin di Atletica La Fornace e Giada Quadrelli di Aermacchi. Una delle novità di quest’anno è stata l’introduzione dei chip di giornata e sono stati infatti due atleti iscritti solo a questa prova ad aggiudicarsi il primo premio. Nella prova maschile, gara in solitaria di Roberto Dimiccoli, portacolori di Atletica San Maurizio, davanti a Robert Johnson Nti e a “Playbeppe” Bollini. Rispettata dunque la tradizione, che ha visto 12 vincitori diversi in altrettante edizioni. Tra le donne, Laura Brenna ha trionfato precedendo Elena Begnis ed Eugenia Vasconi, giunte affiancate. Primi castiglionesi sono stati Dario Perri ed Ersilia Marzegan, mentre il mezzanese Stefano Caruso è stato il primo avisino.

Per la quinta volta consecutiva è stato il Cral Aermacchi il gruppo più nutrito, con ben 56 iscritti, mentre Avis si è aggiudicato il trofeo Marandola quale gruppo castiglionese più numeroso.

[email protected]