33^ giornata – Rhodense e Castanese allo spareggio promozione, spareggio salvezza Brebbia-Guanzatese

0
21

I VERDETTI – Succede di tutto negli ultimi 90′ di gioco. La Rhodense liquida l’Uboldese e la estromette dai playoff (tra 2^ e 5^ ci sono 10 punti). La Castanese nel finale ha ragione della Cob 91 e, proprio come la Rhodense, conquista i tre punti. Così, pur essendo giunti all’ultima giornata, non c’è ancora il nome della vincitrice del campionato e della squadra che può festeggiare la promozione in Eccellenza. Così, per stabilire chi tra Rhodense e Castanese (60 punti per entrambe), si passerà dallo spareggio in campo neutro con eventuali tempi supplementari e calci di rigore in caso di parità.
Ai playoff vanno Gavirate e Olimpia che si affronteranno nel primo turno previsto per sabato 5 maggio alle ore 16 sul campo della migliore classificata, cioè il Gavirate.
In fondo, per definire chi tra Guanzatese e Brebbia saluterà la Promozione, si passerà dallo spareggio in campo neutro. Le due squadre, infatti, hanno entrambe concluso la regular season a quota 31 punti. La perdente retrocederà in Prima Categoria, la vincente, invece, se la vedrà nelle due gare di playout contro la Belfortese, avanti sì di 6 punti in classifica ma una distanza non sufficiente per non disputare i playout.

LE DATE DEGLI SPAREGGI

 

UBOLDO – Vince, stravince la Rhodense… ma non festeggia. Fino a dieci minuti dalla fine in Eccellenza, gli arancioneri si devono accontentare dello spareggio con la Castanese che vince in casa contro la Cob. A poco serve dunque lo strapotere dimostrato oggi campo dagli uomini di Cruccitti che ne fanno tre nella prima frazione, con Caruso, Hiso e Beretta che nella ripresa mette il punto esclamativo. Il successo in extremis dei neroverdi vanifica il poker degli uomini di Crucitti. Castanese e Rhodense rimangono appaiate in vetta, costretti allo scontro diretto – previsto mercoledì in campo neutro – per conquistare la promozione diretta. Tragico l’epilogo stagionale dell’Uboldese che con questa sconfitta vede svanire il sogno playoff all’ultima giornata.

RhodensePRIMO TEMPO – Con l’orecchio sempre teso agli altri campi, la Rhodense deve solo vincere. Uboldese in affanno sulle accelerazioni degli arancioneri che sfiorano il vantaggio con Beretta. Salvataggio di Rossi sulla linea. Da applausi il cambio campo col contagiri di Caruso che innesca l’azione. Si accende alla mezz’ora l’Uboldese, con il destro al volo di Tartaglione. Al 25’ la Rhodense passa con Caruso che schiaccia di testa il corner di un compagno e insacca all’incrocio sottomisura: naturale conseguenza di un’autorete sfiorata da Colombo che proprio di testa in tuffo aveva messo in angolo. Reazione rossonera con la discesa di Rossi che trova i guantoni di Mantovani. Il raddoppio arancionero nasce da un’azione confusa in area risolta da Beretta al 31’. Allo scadere Hiso piazza il tris con un eurogol dalla distanza.

UboldeseSECONDO TEMPO – Di Noto cestina il colpo del definitivo k.o. sul nascere dei secondi quarantacinque. Poco male, ci pensa Beretta al 13’ con la zampata vincente di destro a fulminare Menegon sull’ottimo suggerimento di Caruso. Sulle ali dell’entusiasmo Prada, appena entrato al posto di uno stanchissimo Di Noto, spedisce sulla traversa la palla del pokerissimo. Con l’Uboldese ormai alle corde, a rischio imbarcata pesantissima, Crucitti si concede un po’ di turnover e richiama in panchina i pezzi grossi come Caruso e Beretta. Senza più speranze, l’Uboldese ha una doppia chance per infilare almeno il gol della bandiera. Manco a dirlo la prima se la crea Tartaglione ch scalda i guantoni al portiere, poi Maiorano in offside sfiora il palo.

I MIGLIORI IN CAMPO
Rossi (Uboldese) – voto 6,5:
buonissima prestazione, soprattutto spostato in avanti come esterno offensivo sinistro, mette paura alle difesa avversaria con la sua velocità.
Caruso (Rhodense) – voto 8: in mezzo al campo detta lui i tempi, dispensa assist e trova anche uno splendido gol di testa. E’ l’uomo in più degli arancioneri.

I COMMENTI
Crucitti, mister Rhodense: “Molto contento. Questo è il percorso che volevamo fare fin dall’inizio. Solo uno stop con la Castanese che sembra impenetrabile. Oggi è la dimostrazione del nostro bellissimo percorso. Ora siamo pronti allo spareggio. Non abbiamo nulla da perdere perche loro sono davanti da tutto il campionato, noi ci siamo arrivati passo dopo passo migliorando. I giocatori sono cresciuti tutti in maniera esponenziale e si sono dimostrati all’altezza. Merito della società. Ottima stagione soprattutto il ritorno”.
Pizzasegale, ds Uboldese: “Tanto di cappello a loro. Ci è mancato il centrocampo e abbiamo sofferto. Poi in realtà bisogna sottolineare alcune decisioni arbitrali un pò dubbie: sul secondo gol per esempio. E anche le ammonizioni tutte a noi. Non è la prima volta che succede. Brucia perdere cosi i playoff, forse con la formzione al completo ce l’avremmo fatta. Mi associo ai complimenti del presidente alla squadra. Ci riproveremo l’anno prossimo”.
Maiorano, capitano Uboldese: “Hanno meritato loro indubbiamnete, a noi mancavano alcuni giocatori a metà campo ma non possiamo attaccarci a queste scuse. La squadra c’è ma se é il secondo anno che ci facciamo scappare i playoff signifiica che ancora non siamo pronti per arrivare ai playoff”.

FOTOGALLERY UBOLDO UBOLDESE RHODENSE UBOLDO UBOLDESE RHODENSE UBOLDO UBOLDESE RHODENSE

 

 

IL TABELLINO
UBOLDESE – RHODENSE 0-4 (0-3)
Uboldese:
Menegon, Rossi (25’ st Galbiati), Moneta (8’ st Borgia), Colombo, Trionfo, Bartucci, Tartaglione, Maiorano, (1’ st Coppola) Costanzo, Martucci, Maugeri. A disposizione: Polidoro, Besati, Borgia, Calabria, Coppola, Galbiati, Airaghi. All: Maestroni.
Rhodense: Mantovani, Borsano, Sala (38’Uggeri), Hiso, Zanus, Oldani, Colombo, Castelnuovo (22’ st Mainardi), Beretta (34’st Aloe), Caruso (25’ st Vitale), Di Noto (15’ st Prada). A disposizione: Torri, Tiriolo, Uggeri, Vitale, Mainardi, Prada, Aloe. All: Crucitti.
Arbitro: Gai di Carbonia (De Palma – Corvino)
Marcatori: pt: 25’ Caruso (R), 31’ Beretta (R), 45’ Hiso (R); st: 13’ Beretta (R)

 Inviato Alessio Colombo

GAVIRATE – I padroni di casa prima si portano in vantaggio per 2-0, poi si fanno rimontare sul 2-2 da una Guanzatese mossa dalla volontà di restare dalla categoria. Il punto guadagnato dai comaschi permette loro di raggiungere a quota 31 punti il Brebbia, squadra contro la quale disputeranno lo spareggio per evitare la retrocessione. La formazione che vincerà se la vedrà poi con la Belfortese nei playout.

GaviratePRIMO TEMPO: prima occasione per la Guanzatese, con Pappalardo anticipato bene da Martignoni in area. Ancora Pappalardo cerca il tiro a giro ma è lontano dalla porta di Giorgetti. Per il Gavirate ci prova Miele con una punizione dal limite, ma è poco preciso. Testa manca di un soffio il vantaggio su un ottimo calcio d’angolo di Caon. Passano i minuti e il Gavirate comincia ad uscire, grazie alle sovrapposizioni di Petruzzi e all’estro di Federico Caon, schierato come ala sinistra. È sempre dalla parte di Petruzzi che ci sono le migliori occasioni per il Gavirate, con Moro, Testa e Jammeh che mancano di poco il vantaggio. Giorgetti si supera su Pappalardo, che colpisce per due volte da distanza ravvicinata dopo un errore di Martignoni in marcatura. Il vantaggio del Gavirate arriva al 27’, quando Cristian Caon trova tutto libero Federico sulla sinistra, che mette in mezzo un pallone basso per Miele, di fronte alla porta vuota. I padroni di casa continuano ad attaccare, anche se la Guanzatese si avvicina al pareggio con un gran tiro da fuori di Girola. Nella parte finale del primo tempo il Gavirate comincia a gestire il vantaggio con un buon possesso palla, senza soffrire particolarmente le iniziative degli ospiti. Il primo tempo si conclude sul punteggio di 1-0.

GuanzateseSECONDO TEMPO: entra Mendez per Testa e il Gavirate prova subito a sfruttare la sua velocità, occupando costantemente la metacampo della Guanzatese. Il meritato raddoppio del Gavirate arriva all’ottavo minuto della ripresa, con un bolide da fuori area di Federico Caon che finisce dritto all’incrocio dei pali. La Guanzatese non da alcun accenno di reazione e continua a mostrare il fianco ad un Gavirate che macina calcio. Girola, bene imbeccato da Spotti su una clamorosa distrazione della difesa del Gavirate, colpisce il palo, mentre Mendez arriva poco lontano dal 3-0 su un bello spunto di Miele. Ci provano ancora i padroni di casa con Petruzzi che continua ad essere sempre pericoloso sulla destra. La Guanzatese cerca la reazione con Lamanna, ma la qualità delle sue azioni offensive continua a scarseggiare. Gli ospiti accorciano le distanze con Pappalardo, che sfrutta un rimpallo dopo un tentativo di rovesciata di Lamanna per trovarsi da solo di fronte a Giorgetti e spiazzarlo. Continua il tentativo di rimonta degli ospiti, che portano più uomini possibili in area di rigore e devono ringraziare Miele che sbaglia a tu per tu con Sampietro. Nel finale gli ospiti recriminano un rigore per un presunto rigore per tocco di mano di Candeliere e la gara si riempie di tensione. Pappalardo trova il pareggio nel recupero su punizione, con un rimpallo sulla barriera che spiazza completamente è l’ultima azione della partita. Finisce 2-2.

I MIGLIORI
Gavirate:
Caon F. 7.5 – Prima schierato come ala sinistra, poi retrocesso a mezzala, Caon offre sempre qualità al Gavirate, sia con progressioni in velocità, sia dialogando con i compagni. Il gol del 2-0 è una prodezza balistica di enorme fattura.
Guanzatese: Pappalardo 7.5 – Segna i due gol della rimonta della Guanzatese ed è sempre l’uomo più pericoloso dei suoi, dimostrando anche grande spirito di squadra e leadership.

I COMMENTI
Iori: “Anche se si vinceva cambiava poco, ci sono anche gli avversari che cercavano di non retrocedere, siamo senza tanti giocatori soprattutto in difesa. Ora contro l’Olimpia è necessario far bene, sarà una gara difficile ma ci proveremo”

IL TABELLINO
GAVIRATE – GUANZATESE 2-2 (1-0)
Gavirate:
Giorgetti, Petruzzi, Baglio, Jammeh, Martignoni (23’ pt D’Amico), Candeliere, Testa (1’ st Mendez), Caon C., Moro (38’ st Marzetta), Miele (45’ st Oliverio), Caon F. A disposizione: Berton, Robustellini, D’Amico, Ricci, Mendez, Oliverio, Marzetta. All. Iori.
Guanzatese: Sampietro, Bonella, Monaco, Brambilla, Visioli (1’ st Lamanna), Spotti, Sarra, Paganini, Girola, Cara (23’ st Colombo), Pappalardo. A disposizione: Maugeri, Marinoni, Puggioni, Guidici, Colombo, Pirotta, Lamanna. All. Papis.
Arbitro: Adragna di Milano (Colombo-Ferreri)
Marcatori: PT: Miele 27’ (GA) ST: Caon F. 8’ (GA), Pappalardo 27’ (GU), Pappalardo 45’ (GU)
Ammoniti: ST: Paganini (GU) 23’ st, D’Amico (GA) 45’ st

Inviato Marco Mastrorilli

CASTANO PRIMO – È una sfida all’ultimo punto quella che decreta il vincitore di questo campionato di Promozione. La Castanese può avere qualche rimorso di coscienza per aver perso diversi punti all’inizio del girone di ritorno, ma ora deve dimostrare di meritarsi il titolo di campione. Dopo lo 0-0 di domenica scorsa, Rhodense e Gavirate hanno ancora una possibilità per salire direttamente di categoria, il tutto dipende dalla serie di risultati che si concretizzeranno. La vittoria riesce a fatica alla Castanese, che giunge al gol-vittoria solo al 40’ del secondo tempo grazie a Izzo. Con la schiacciante vittoria della Rhodense, la vittoria del campionato di Promozione sarà sancita tramite uno scontro diretto decisivo e senza pronostici.

Castanese-Cob91PRIMO TEMPO –  Un’ultima giornata di campionato senza previsioni vede scendere in campo Castanese e Cob 91, con la squadra di Cataldo che deve fare risultato e aspettare buone notizie dall’altra sfida importante: Rhodense – Uboldese. In attesa di entrambe le sfide resta il Gavirate, impegnato contro la Guanzatese e possibile campione solo in caso di vittoria e sconfitta per le prime due della classe. L’atmosfera che accompagna i calciatori all’entrata è calda e vibrante, con un buon gruppo di sostenitori che sperano nel coronamento di una stagione quasi perfetta. La squadra di Cataldo, oggi in tenuta rosa, inizia il match con intensità, cercando il gol in maniera frettolosa, mentre gli ospiti sembrano intenzionati a non concedere nulla, ma non sarà così. Al 4’ un bel cross di Venturelli resta incompreso, la difesa però non riesce a spazzare e Fusco dalle retrovie tenta un diagonale rasoterra, prontamente respinto da Riboldi. Al 14’ da corner nasce un traversone insidioso di Pettinicchio per Barbaglia, ma la sua incornata termina a lato. Due minuti più tardi sempre il numero 10 castanese da pochi passi spizza il pallone sopra la traversa, divorandosi un’occasione importante. Quando anche Fusco cerca il piazzato da fuori, alto, diventa chiaro come la Castanese stia dominando il match, pur senza trovare il vantaggio. Al 20’ Riboldi risponde ancora una volta a Fusco da distanza ravvicinata e Venturelli colpisce un clamoroso palo da pochi passi, mantenendo il match sullo 0-0. Al 23’ Tempesta risponde all’assedio dei padroni di casa con un tiro potente da fuori, sporcato in calcio d’angolo. Al 26’, dopo un grande lavoro di sponda di Colombo, Venturelli arriva sul fondo e pennella in area una palla dolcissima, ideale per lo stacco imperioso di Barbaglia, ma il pallone si stampa sul palo e blocca la gioia dei tifosi di casa. Al 31’ la squadra di Cataldo reclama un calcio di rigore per un contatto tra Barbaglia e Rizzoli, ma il direttore lascia correre senza indugio. Sullo scadere del primo tempo, viene concessa una punizione sul lato sinistro del campo: Barbaglia prova un tiro a sorpresa e colpisce il palo esterno. Poco dopo, l’arbitro manda le due squadre negli spogliatoi.

Castanese esultanzaSECONDO TEMPO –  I padroni ricominciano subito forte e dopo nemmeno un minuto Fusco crossa basso per Pettinicchio, ma il suo piazzato dal limite sfiora di poco il palo. Al 10’ Venturelli lanciato sul filo del fuorigioco, si divora un’occasione clamorosa: arriva davanti a Riboldi e cerca una via di mezzo tra tiro e filtrante per Fusco e l’azione sfuma. Al 12’ è Fusco ad avere l’occasione per passare in vantaggio, ma il portiere ospite respinge di pugni e Barbaglia si coordina male per rendere il suo tiro pericoloso. Anche Colombo ha la sua occasione e sul filo dell’offside riesce a trovarsi davanti a Riboldi, tentando un pallonetto salvato dal portiere in corner. La Castanese, con l’entrata in campo di Izzo e Panozzo, si schiera con quattro giocatori offensivi per tentare di trovare il gol, viste le notizie che arrivano da Uboldo, dove la Rhodense si trova in vantaggio per 4-0. Al 32’ Fusco riesce ad inventarsi un traversone da posizione complicata, ma Izzo incorna centrale. Un minuto più tardi né Barbaglia né Izzo si fanno trovare reattivi davanti alla porta per segnare. Al 33’ è clamoroso il quarto palo che colpisce la Castanese con Izzo, il quale, a tu per tu con Riboldi, spara un diagonale potente sul legno opposto. Al minuto 35 il primo tiro della Cob 91 è centrale. Su ribaltamento di fronte, uno spiovente giunge in area e sia Panozzo di testa sia il portiere ospite mancano la palla, ma ancora una volta il numero 18 trova la porta sbarrata da un salvataggio di Andreotti. Al 40’ Izzo finalmente porta in vantaggio la Castanese: con un rapido contropiede, Fusco giunge in area, cerca un compagno e riesce a servire Izzo che da 0 metri insacca. La partita fondamentalmente finisce qui, si aspetta solo il fischio finale, anche se Fusco potrebbe raddoppiare con un pallonetto dal limite, deviato con la punta delle dita dal portiere della Cob91. L’arbitro poco dopo emette il fischio finale e la gioia dei tifosi è grande: la Castanese se la vedrà con la Rhodense nello scontro diretto finale che sancirà il vincitore di questo splendido campionato di Promozione in campo neutro.

I MIGLIORI IN CAMPO
Izzo (Castanese) – voto 7:
Non può sbagliare la palla che Fusco gli regala a pochi metri dalla porta, ma è una rete liberatoria che arriva dopo un palo e tante, tantissime occasioni. Uomo partita perché decisivo.
De Vita (Cob 91) voto 6,5: Insieme a Pioggia, è l’unico dei suoi a scendere in campo e giocare senza aver niente da perdere e senza concedere niente all’avversario.

IL TABELLINO
Castanese – Cob 91 1-0 (0-0)
Castanese:
Zenoni 6,5, Nejmi 6,5, Gazzea 6,5, Pettinicchio 6,5 (dal 22’st Izzo 7), Bianchi 7, Belloli 7, Venturelli 6,5, Di Dio 6,5, Colombo Niccolò 6,5 (dal 18’st Panozzo 6,5), Barbaglia 6, Fusco 7. A disposizione: Ndiaye, Zaro, Banfi, Colombo Davide, Lepori. Allenatore: Cataldo.
Cob 91: Riboldi 5, Defocus 6 (dal 5’st Intravaia 5,5, poi dal 38’st Morin sv), Tempesta 6, Rizzoli 5,5 (dal 18’st Favarato 6), Genovese 5,5, Andreotti 5,5, De Vita 6,5, Pioggia 6,5 (dal 30’st Bilardo), Provasi 5,5, Rossini 5,5, Urbano 6 (dal st Carluccio 5,5). A disposizione: Pavanelli, Morin, Porta. Allenatore: Provasi.
Arbitro: Lotito di Cremona 6,5 (Antonicelli – Galeotto)
Marcatori: 40’ st Izzo (C).
Note: giornata ventosa, campo in ottime condizioni. Spettatori 150 circa. Tiri (in porta): 15(12) – 3(1); calci d’angolo 6-3; fuorigioco 4-2. Recupero: 1+4.

 Inviato Nicolò Bonetti

RISULTATI E CLASSIFICA

Le altre partite

Base 96 – Olimpia 3-1 (1-0)
Base 96:
Redaelli, De Laurentis, De Petri (st 17’ Galli), Cicola, Piva, Larese, Boniardi (st 7’ Longoni), Molteni N, Tagliabue G (st 47’ Galliani), Molteni A (st 45’ Quitadamo), Ponti (st 32’ Carraro). A disposizione: Malventi, Ferrario. All: Martinelli
Olimpia:
Boschini, Calizzi, Brivio, Okaigni, Montarese, Visconti (pt 6’ Dell’Orto), Sassi, Maino (st 1’ Dell’Omo), Niesi, Ba, Piazza (st 23’ Keller). A disposizione: Rinaldi A, Confeggi, Scaramuzza, Borella. All: Rinaldi
Arbitro:
Vezzoli di Bergamo
Marcatori:
pt 29’ Ponti (B); st 4’ Ba (O), 10’ Tagliabue (B), 18’ Longoni (O)
L’Olimpia, già certa della qualificazione ai playoff, perde l’ultima partita in stagione regolare contro la Base 96. Padroni di casa avanti alla mezz’ora con Ponti, ben servito da Tagliabue, poi raggiunti ad inizio ripresa dal colpo di testa di Ba sugli sviluppi di una punizione. L’equilibrio dura poco perché al 10’ Tagliabue fa partire un destro dai 20 metri che finisce sotto la traversa, prima del definitivo 3-1 di Longoni che sfrutta una corta respinta di Boschini e realizza con un tap-in.

Brebbia – Bresso 2-1 (1-0)
Brebbia
: Stefanelli, Gaballo, Pietroboni, Roncari, Squizzato, Hamatay, Scalamandrè, Verde, Quadrelli, Abati, Bardotti. A disposizione: Raccagni, Galbignani, Cizzico, De Taddeo, Milano, Cunati. All: Contaldo
Bresso: Crudo (st 1’ Belotti), Formato (st 1’ Lista), Pigazzini, Vitali, Petrone, Spiacciariello, Frigato, Cesana (st 1’ Zumpano), Miculi (st 15’ Cossa), Bazzo, Elli. A disposizione: Myall, Villa, Kamal. All: Raspelli
Arbitro:
Scarano di Seregno
Marcatori:
pt 15’ Abati (BB); st 16’ Roncari (BB) 40’ Cossa (BR)
Il Brebbia supera per 2-1 il Bresso e si avvia ad affrontare la Guanzatese nello spareggio che deciderà chi retrocederà direttamente in Prima Categoria e chi, invece, dovrà sudarsi la permanenza in Promozione nel playout contro la Belfortese. I padroni di casa vanno all’intervallo in vantaggio di un gol grazie alla marcatura di Abati al quarto d’ora e raddoppiano nella ripresa con il calcio di punizione di Roncari. Ininfluente, e tardivo, il gol di Cossa su assist di Zumpano al 40’ che permette al Bresso di accorciare le distanze.

Portichetto – Solaro 0-1 (0-1)
Portichetto:
Confalonieri (st 31’ Tagliavini), Parenti (st 21’ Condoluci), Zambianchi, Baitieri, Rizzi, Brenna, Gasparini, Carnevale (st 10’ Viola), Coccioli (st 26’ Carrino), Meroni, Belluzzi (st 17’ Ambrosetti). A disposizione: Giorgianni, Carrino, Pecora. All: Manzoni
Solaro:
Di Venosa, La Groia (st 1’ Protta), Morales, Sulka (st 35’ Donato), Ceron, Sponga, Emiliano, Clerici (st 1’ Franco) , De Milato (st 17’ Fichera), De Giovanni, Santobuono. A disposizione: Macchi, Gattuso, Frasson. All: Leo
Arbitro:
Marini di Seregno
Marcatori:
pt 30’ Parenti autogol (S)
Il Solaro si aggiudica la sfida contro il già retrocesso Portichetto. Decisiva, alla mezz’ora del primo tempo, una sfortunata autorete di Parenti che colpisce la palla di nuca e insacca nella propria porta.

Morazzone – Belfortese 1-2 (0-0)
Morazzone:
Palamini, Lo Presti, Facchin (st 10’ Chakir), Patella (st 24’ Pascale), Milani (st 1’ Suman), Passera, Berton, Libralon, Ghizzi, Pantelis (st 17’ Bernasconi), Colavito (st 22’ Egnoletti). A disposizione: Beltrami, Chakir, Vezzoli. All: Marchiorato
Belfortese: Catanese, Lovisetto, Santillo, Da Pos, Ossola, Beretta, Markaj (st 24’ Giacopinelli), Lazzarini, Fontana (st 38’ Marrocco), Tasco (st 17’ Calemme), Tarchi (st 29’ Arena). A disposizione: Pucci, Sinatra, Motta. All: Saporiti
Arbitro:
Guarino di Abbiategrasso
Marcatori:
st 14’ Berton (M), 22’ e 36’ Giacopinelli (B)
La Belfortese supera in trasferta il Morazzone e si appresta ad affrontare nei playout la vincente dello spareggio salvezza tra Guanzatese e Brebbia. Succede tutto nella ripresa. Al quarto d’ora i padroni di casa sbloccano con Berton, ma il neo entrato Giacopinelli realizza nel giro di 15’ la doppietta che ribalta lo svantaggio e consegna i tre punti alla Belfortese.

Vergiatese – Lentatese 0-3 (0-0)
Vergiatese:
Fabbricatore (st 1’ Didoni), Cattaneo (st 26’ Loo), Conrero (st 10’ Brondolin), Dutto, Shala, Adami, Modde (st 31’ Viganotti), Paolillo, Cotarello (st 1’ Fronte), Gningue, Becerri. A disposizione: Pinorini. All: Fiorito
Lentatese
: De Nicolo, Perani, Passanante, Rampoldi (st 23’ Lessio), Meroni W, Fontana, Malacarne (st 44’ Abbondi), Marazzi (st 9’ Boniardi), Longoni (st 34’ Monaco), Bajoni, Innocenti (st 30’ Personè). A disposizione: Englaro, Gaiotto. All: Brucoli
Arbitro:
Pasquetto di Crema
Marcatori:
st 14’ Bajoni (L), 35’ Malacarne (L), 43’ Passanante (L)
La Lentatese chiude al meglio la propria stagione rifilando un tris esterno alla Vergiatese. Al 14’ della ripresa Bajoni conclude al meglio uno scambio con Innocenti e trafigge Fabbricatore sul secondo palo; il raddoppio è opera di Malacarne al termine di una ripartenza, mentre lo 0-3 finale arriva da un tiro di Passanante su assist di Innocenti.

In redazione Indro Pajaro