Una delle novità dell’edizione 2017 è il punto di partenza e di arrivo, che sarà all’ippodromo delle Bettole. Dopo il successo della prima edizione, lo scorso anno, la Varese Van Vlaaderen ritorna domenica 2 aprile, richiamando ancor più appassionati delle due ruote per quello che è ormai, a piano titolo, considerato il “Giro delle Fiandre” varesino: «Con questa manifestazione – dicono gli organizzatori della Ciclo Turrivogliamo far conoscere agli appassionati delle due ruote le meravigliose strade, il panorama affascinante e le salite leggendarie che rappresentano un patrimonio unico e ineguagliabile della provincia di Varese. Un territorio che vanta una grande storia nell’ambito dello sport del ciclismo e che ha organizzato a Varese, non più tardi di dieci anni fa con partenza e arrivo proprio all’Ippodromo delle Bettole, un meraviglioso Campionato del mondo su strada, ripetendo il successo della corsa iridata del 1951, svoltasi anch’essa sul nostro territorio».

E così, per consentire a tutti i ciclisti di godere del fascino dei percorsi e delle emozioni che solo le classiche del Nord riescono a regalare, per l’edizione 2017 della Varese Van Vlaanderen, il comitato organizzatore ha deciso di proporre ben tre percorsi adatti a tutti i livelli di preparazione atletica. «Come nella classica corsa belga riservata ai professionisti – sono sempre parole degli organizzatori –, in questa nostra “non competitiva” a fare la differenza sono i “muri”, le ripide salite che caratterizzano il nostro territorio. Abbiamo confermato le salite della scorsa edizione, aggiungendone però delle inedite, più dure che mai. Di sicuro, però, vogliamo che la nostra sia una manifestazione sportiva per tutti: i partecipanti potranno misurarsi su tre affascinanti percorsi: uno corto da 70 km, un medio da 103 ed un lungo da 128 km con dislivelli da 1300 a 2230 metri».

Un evento che, insomma, ha ormai assunto un carattere di grande rilievo nel calendario degli eventi sportivi in grado di richiamare atleti e pubblico in provincia di Varese: sono attesi oltre 1.500 partecipanti con i loro famigliari, provenienti da tutta Italia, ma anche dalla Svizzera. «Un’altra manifestazione sportiva che è diventata una preziosa occasione per valorizzare a fini turisti il nostro territorio» sottolinea il presidente della Camera di Commercio Giuseppe Albertini. Proprio per questo, la Varese Van Vlaaderen gode del supporto della Varese Sport Commission, il progetto dell’ente camerale varesino che punta a intercettare quella variegata domanda di turismo sportivo in continua crescita, caratterizzata da una buona capacità di spesa, generando interessanti ricadute per tutta la filiera dell’ospitalità.

Un’ultima indicazione rispetto alla manifestazione ciclistica di domenica prossima: al termine della non competitiva, atleti e appassionati potranno seguire su un maxi schermo la diretta delle fasi finali e dell’arrivo del vero Giro delle Fiandre, usufruendo anche delle immagini prodotte da una telecamera dedicata, che trasmetterà quello che normalmente non si vede in televisione. 

[email protected]