Robur, ostacolo Siena prima della pausa

0
12

La Coelsanus ha colto la quinta vittoria consecutiva contro il Bottegone sabato scorso agganciando così definitivamente il treno playoff e coronando un 2017 sinora su ottimi livelli per la truppa roburina.

PASSO DOPO PASSO – Restiamo sintonizzati su quanto dichiarato nel dopo gara da coach Vescovi, ovvero: “Bisogna ragionare di gara in gara e quando sei in un momento positivo di insistere senza mollare di un centimetro. Ci siamo dati come obiettivo a inizio girone di ritorno quello di alzare il livello della nostra difesa così da esser più tranquilli quando è il momento di andare in attacco e di non avere l’angoscia di dover segnare a tutti i costi. Finora devo dire che ci siamo riusciti disputando delle ottime prove difensive sopratutto in trasferta dove è indispensabile giocare bene in difesa”.  Accento chiaro su due argomenti caldi: difesa e ragionare una partita alla volta. Fermiamoci prima su questo punto. Se cinque vittoria consecutive sono assolutamente roboanti, va detto che in questi due mesi si è assistito a un rallentamento delle prime e una accelerazione del fondo classifica che, a oggi, vedono comunque i playout a soli 4 punti di distacco da una Coelsanus sesta a pari merito a quota 22 con San Miniato, Piombino e Montecatini.

DIFESA – Secondo tassello imprescindibile è la difesa. Se nell’autunno è capitato alla Coelsanus di subire parecchi rovesci, in questo girone di ritorno il contanumeri recita una media di 61,5 punti subiti in media con i 70 punti subiti nella prima di ritorno a Torino – unica sconfitta del girone discendente – che incidono su una media che sarebbe ancor più bassa. E’ evidente che con così pochi punti subiti diventa molto più difficile perdere una partita, ma ciò testimonia anche i grossi sforzi che i gialloblu stanno facendo nella propria metà campo per migliorare e migiorarsi.

SIENA – Risultati che pagano dato che contro Bottegone mancavano sia Santambrogio che Sabbadini per problemi muscolari e, quindi, la difesa era oltremodo importante. La speranza è di recuperare almeno uno dei due assenti per la trasferta in terra senese prima della pausa con la Robur che tornerà in campo in casa l’11 marzo contro Montecatini. All’andata i gialloblu disputarono una partita tutta voglia e disciplina tenendo Siena a soli 56 punti segnati, ma soprattutto spegnendo la coppia Lenardon Nasello. Anche in questo tornata facile intuire come limitare il cervello nonchè maggior talento della Virtus ovvero Lenardon darebbe una grossa mano alla possibilità di espugnare il fortino senese. Allo stesso tempo limiterebbe i rifornimenti per Nasello, autore di 12 punti a gara e miglior marcatore dei suoi, ma solo 4 punti in 40′ al Campus. Palla a due sabato sera alle 21 al PalaCorsoni.

Matteo Gallo

– PROGRAMMA E CLASSIFICHE