Pietro Anastasi padrino dello Juventus Club Uboldo

0
66

UBOLDO – Presentato ieri sera lo Juventus Club DOC Uboldo, al ristorante Karalis di via IV Novembre, con la benedizione di due ospiti d’eccezione: il comico e tifosissimo bianconero Max Pisu, vecchia conoscenza di Zelig, e Pietro Anastasi, indimenticabile centravanti di Varese e Juve a cavallo tra gli anni ’60 e ’70. Molti biancorossi ricorderanno “pietruzzu”, l’eroe di Masnago: colui che con la sua tripletta guidò il Varese dei miracoli alla schiacciante vittoria per 5-0 sulla Juventus, che poi acquistò l’attaccante siciliano, in quel famoso febbraio del 1968.

juventus club uboldo anastasiMa ieri sera vestiva i panni della leggenda bianconera per portare fortuna alla nascita di un nuovo nucleo di tifosi. Fondato qualche mese fa, in poco tempo il club ha superato le 140 adesioni e sarà intitolato al principino Claudio Marchisio, simbolo perfetto di juventinità.
Tutto è nato da un’idea di Massimiliano Passeri e Marco Corsini, rispettivamente presidente e tesoriere del club, volenterosi di riunire tutto il popolo bianconero di Uboldo sotto un solo nome. Coinvolti nel loro progetto anche Andrea Angilella, Roberto Baietti, Livio Bertuolo, Michel Bovi e Alessandro Colombo, gli attuali consiglieri del club, nonché tifosissimi della Vecchia Signora.

juventus club uboldo marchisioRICCHI PREMI E COTILLONS – Circa un centinaio di persone, rigorosamente juventini, hanno festeggiato l’inaugurazione del club, ma anche quella del ristorante Karalis, aperto da poco. Tra una portata e l’altra di una cena a base di carne, il club ha omaggiato i due ospiti con una maglietta celebrativa per ricordare questa splendida serata.
Al taglio della torta, sono stati poi consegnate le tessere ufficiali ai soci dello Juventus Club DOC e i premi della lotteria. Il più fortunato, Edoardo Canobbio, si è aggiudicato una maglietta del numero 8 bianconero Marchisio, autografata da Pietro Anastasi e Max Pisu. Un brindisi finale, al grido di “Forza Juve!”, e anche Uboldo è bianconera!

Alessio Colombo