Le pagelle: Kangur è un muro, Bulleri e Ferrero non sbagliano nulla

0
14

Johnson: 7,5 Inizia marchiando la gara con due preziose palle recuperate nei primi 2′ di gara, finisce siglando il canestro che risulterà decisivo per il 72-67. In mezzo produce punti pur restando all’asciutto nella specialità della casa, ovvero il tiro pesante, recuperando rimbalzi e subendo falli. Onnipresente.
Anosike: 6,5 Sfiora la doppia doppia chiudendo a 15+9, sa restare in gara pur gravato di falli, ma nel finale rischia di combinarla grossa subendo 4 punti filati da parte di Delas. Mette lo zampino nel recupero finale e si conferma uno dei cardini di Caja.
Maynor: 6 Non luccica, ma gestisce abbastanza bene e illumina con un paio di aperture visionarie per i suoi compagni. Per oggi basta così.
Pelle: 6 Ancora una volta ingenuo nello spendere le penalità personali – il quarto fallo speso al pronti via del terzo periodo – vanificando parzialmente un buon atteggiamento difensivo.
Bulleri: 7 Gara di assoluta sostanza per il veterano biancorosso che porta anche la bar Laquintana con un ottimo assist per Pelle, realizza un’incredibile serpentina nel quarto periodo per il 65-58 e non sbaglia assolutamente nulla in 15′ di rara perfezione stilistica.
Cavaliero: 5 Perde i nervi sotto canestro con Stojanovic venendo espulso al 17′. Condanna maggiore visto il ruolo di capitano.
Kangur: 7,5 L’estone finisce con le bombole di ossigeno dopo aver disputato 30′ sul parquet in cui ha dato tutto e, nei primi 25′, è una croce per Capo: recupera qualsiasi rimbalzo finisca dalla sue parti, capitalizza i palloni attacco ed è un incubo in difesa. Doppia doppia meritata e titolo di Mvp di giornata: KK è definitivamente tornato.
Ferrero: 7 Anche Giancarlo vede il suo minutaggio limitato dai falli, ma disputa una gara di dedizione e le sue scelte sono sempre azzeccate. Sa quando è il momento di tirare o penetrare e dal suo atteggiamento traspare una fiducia massima nei suoi mezzi.
Eyenga: 6,5 Primi 20′ in cui Air Congo è totalmente fuori gara, poi la tripla del 27′ lo rimette in carreggiata. Alza il livello della sua difesa e trova 3 recuperi uno più importante dell’altro fino a sigillare la gara con la schiacciata del 74-70 che  fa urlare di gioia i 4500 del PalA2A.

Matteo Gallo

LA PARTITA

LA SALA STAMPA

FOTOGALLERY