La SAB Volley Legnano esce sconfitta, ma a testa alta dalla sfida con l’Igor Gorgonzola Novara valida per l’ultima giornata di andata della Samsung Galaxy Volley Cup. Le legnanesi lottano alla pari con le campionesse d’Italia per due set, trascinandole ai vantaggi nel primo set (25-27) e restando a contatto fino al 21-23 nel secondo; peccato per il terzo set in cui, avanti 10-6, le giallonere vanno incontro a un vero e proprio black out per un parziale di 1-14 che chiude di fatto la partita. In virtù di questo risultato la SAB resta fuori dai quarti di finale di Coppa Italia, ma chiude la prima fase del campionato con un bilancio più che positivo e conservando i 5 punti di vantaggio sulla zona “calda” della classifica.
Nelle file di Legnano si distingue ancora una volta Camilla Mingardi, autrice di 18 punti, insieme a Silvia Lussana, sempre generosa in difesa, e Jaroslava Pencova, che chiude con il 63% e 2 muri-punto. Amanda Coneo, all’esordio in A1 da titolare, brilla soprattutto in ricezione con il 60% di positiva. L’Igor, dal canto suo, commette molti errori ma nei momenti decisivi può sempre contare sulle sue bocche da fuoco Celeste Plak (18 punti) e Paola Egonu (17), ben orchestrate da Skorupa.
La SAB Volley Legnano tornerà in campo per la prima giornata di ritorno nel giorno di Santo Stefano, martedì 26 dicembre, contro la Foppapedretti Bergamo.
La cronaca:
Quasi 1000 gli spettatori presenti al PalaBorsani per l’ultima partita del girone d’andata, tra cui una ventina di supporter novaresi. La SAB Volley Legnano recupera Amanda Coneo, leggermente influenzata, e la manda in campo per la prima volta da titolare in diagonale con Degradi; al centro torna Ogoms al fianco di Martinelli. Valeria Caracuta è il nuovo capitano della squadra giallonera. Novara sceglie la coppia Enright-Plak in posto 4, lasciando inizialmente in panchina Piccinini; Gibbemeyer e Chirichella sono le due centrali.
Dopo un avvio molto equilibrato, è Plak a mettere a segno il primo break dell’incontro per il 4-6; Chirichella ed Egonu allungano sul 5-8, ma Coneo rimette in scia la SAB sul 9-10. Dopo un lungo inseguimento, segnato dalle ottime difese di Lussana, due attacchi consecutivi di Mingardi regalano la parità alle legnanesi sul 15-15; Novara rimette la testa avanti sul 17-19 con Plak e Pistola ferma il gioco. Ancora una volta Legnano resta in scia e Ogoms rimette il set in equilibrio sul 21-21, approfittando di una ricezione negativa delle ospiti. Il finale è in volata: Egonu si procura il primo set point (23-24), annullato da Coneo. Ai vantaggi Pencova cancella un’altra chance (25-25) ma al terzo tentativo Novara passa con l’attacco out di Degradi, seguito a una grande difesa di Sansonna: 25-27.
Le piemontesi sembrano prendere fiducia e nel secondo set piazzano subito il break del 3-6 (ace di Plak), che malgrado il time out chiesto da Pistola diventa 3-8 con gli errori di Pencova e Coneo. La SAB ci crede e accorcia le distanze sul 7-9, con Coneo in evidenza in fase difensiva; Mingardi tiene in scia le giallonere (10-12) ed Egonu sbaglia per il 13-15. I tanti errori di Novara tengono in partita la SAB (17-19), ma il mani out di Plak vale il 18-22; Pencova è l’ultima ad arrendersi e mette a segno il muro del 21-23, poi Egonu e Chirichella firmano i punti che regalano lo 0-2 alla Igor.
La reazione della SAB arriva nel terzo set ed è guidata da Mingardi, che porta le padrone di casa sul 4-2 e poi sul 6-4; Pencova allunga fino al 9-5, convincendo Barbolini a fermare il gioco. L’Igor però non molla e pareggia con tre muri consecutivi di Skorupa, Gibbemeyer e Plak (10-10); entrano Cecchetto e Martinelli, ma Plak mette la freccia con il mani-out dell’11-13. I due time out chiamati da Pistola non bastano: sul servizio di Gibbemeyer le ospiti dilagano, volando fino all’11-20. Mingardi e Pencova non si arrendono (15-23), ma Egonu al secondo match point chiude set e partita per il 16-25.
I commenti:
Andrea Pistola (all. SAB Volley Legnano): “Avremmo meritato di aggiudicarci almeno un set, peccato perché nei primi due potevamo fare un po’ meglio: abbiamo subito molti punti a muro e in difesa su traiettorie che conoscevamo. Sapevamo che loro avrebbero giocato alla grande, perché venivano da tre sconfitte e volevano rifarsi. Direi comunque che il girone di andata è ampiamente positivo, la posizione di classifica ci permette di raggiungere il nostro obiettivo e al di là dei punti abbiamo disputato delle belle partite”.
Silvia Lussana (SAB Volley Legnano): “E’ stata una partita molto combattuta, nei primi due set abbiamo tenuto testa molto bene a un’avversaria di cui conosciamo la forza. Purtroppo nel terzo abbiamo commesso troppi errori e contro queste squadre appena sbagli lo paghi. Credo che questa prima parte del campionato sia andata molto bene, abbiamo portato a casa i punti che ci si aspettava e forse anche qualcosa in più”.
Massimo Barbolini (all. Igor Gorgonzola Novara): Siamo soddisfatti sia della vittoria ottenuta, sia perché è arrivato un successo da tre punti che ci ha permesso di mantenere saldo il secondo posto al termine del girone d’andata. Nel primo set e mezzo eravamo un po’ contratti ma siamo stati bravi sia a chiudere a nostro favore il primo set ai vantaggi, sia a gestire gli altri due set con maggior tranquillità”.
SAB Volley Legnano-Igor Gorgonzola Novara 0-3 (25-27, 21-25, 16-25)
SAB Volley Legnano: Degradi 8, Bartesaghi, Lussana (L), Pencova 9, Cumino ne, Ogoms 3, Mingardi 18, Martinelli, Coneo 3, Cecchetto, Caracuta 1. All. Pistola.
Igor Gorgonzola Novara: Vasilantonaki ne, Camera ne, Plak 18, Gibbemeyer 6, Enright 6, Skorupa 2, Bonifacio ne, Chirichella 9, Sansonna (L), Piccinini, Zannoni, Egonu 17. All. Barbolini.
Arbitri: Piperata e Curto.
Note: Spettatori 950 circa. SAB: battute vincenti 0, battute sbagliate 7, attacco 38%, ricezione 64%-45%, muri 3, errori 16. Novara: battute vincenti 1, battute sbagliate 10, attacco 51%, ricezione 62%-43%, muri 7, errori 18.
[email protected]
(foto di Loris Marini)