La Cimberio Handicap Sport esce a testa altissima dalla sfida impossibile con i campioni d’Italia della UnipolSai Briantea 84 Cantù. Lo fa perdendo con un margine assolutamente onorevole (“solo” 11 punti di scarto i brianzoli non li infliggevano da tempo a un avversario di fascia tecnica inferiore) ma, soprattutto, dopo essere rimasti sempre in partita; basti dire che al 36′, cioè a meno di quattro minuti dalla fine, gli uomini di Fabio Bottini erano sotto di sole due lunghezze (51-49) dopo avere “ricucito” lo strappo che pareva ormai decisivo (49-39 al 33′).

La Cimberio, determinatissima e concentratissima ma con la consapevolezza di avere poco o nulla da perdere, è partita fortissimo (4-10 al 6′), con una difesa che induceva all’errore gli avversari, costretti a inseguire alla prima sirena (10-12). Dello stesso tenore il secondo quarto, con i canturini capaci di affacciarsi finalmente avanti (16-15 al 14′ il loro primo vantaggio) ma non in grado di piazzare la stoccata vincente. Risultato: 24-23 all’intervallo lungo.
Nel terzo periodo di gioco, i padroni di casa hanno dato l’impressione di poter finalmente allungare e chiudere il conto (39-28 al 27′) ma ancora una volta la sorprendente Cimberio ha reagito, restando in partita (43-35 all’ultimo intervallo). Nell’ultimo quarto la UnipolSai ha di nuovo cercato di chiudere il match (49-39 al 33′) ma un canestro di Segreto, il suo primo in serie A, ha ridato la carica ai varesini, capaci, pian piano, di rimontare quasi tutto lo svantaggio (51-49 al 36′). Il finale è stato tutto canturino, come del resto era assolutamente logico, ma la Cimberio non ha concesso poi più di tanto, chiudendo con uno scarto del tutto inimmaginabile alla vigilia, se pensiamo che la squadra di Marco Bergna aveva sepolto sotto una valanga di canestri le avversarie delle prime due giornate (99 punti complessivi di scarto con 154 punti realizzati e 55 subìti).

Difficile indicare il migliore tra i varesini ma Gabriele Silva (6/17 al tiro e 14 rimbalzi) sembra indossare sempre più i panni del leader, con l’ottimo contributo di Binda (5/7 dal campo, 3/5 nei personali e 3 rimbalzi) e Gonzalez (3/7 e 10 rimbalzi), con gli altri a sbattersi in difesa e a giocare in appoggio ai compagni più incisivi in attacco.

Sabato prossimo la Cimberio riceverà a Varese la visita dell’altra “grande”, la UBI Banca S.Stefano, chiudendo così questo tris di partite che, tra la seconda e la quarta giornata, la sta costringendo ad affrontare in sequenza le tre più forti squadre del campionato.

UnipolSai Briantea 84 Cantù – Cimberio Handicap Sport Varese 65-54 (10-12, 24-23, 43-35)
UnipolSai Briantea 84 Cantù: Papi 8, Esteche 14, Geninazzi 4, Santorelli, Sagar 17, Raourahi 8. N.e. Morato e Schiera. All. Marco Bergna.
Cimberio Handicap Sport Varese: Silva 14, Binda 13, Damiano 4, Gonzalez 8, Nava 4, De Barros 8, Segreto 2, Roncari 3. N.e. Fiorentini. All. Fabio Bottini.
Arbitri: Pisanu e Scarlassare.
Note – Tiri liberi: UnipolSai 17 su 20, Cimberio 7 su 16. Nessuno uscito per 5 falli.

I RISULTATI (3a giornata)
Amicacci Giulianova – GSD Porto Torres 85-48
Santa Lucia Roma – Nordest Castelvecchio 65-42
UBI Banca Santo Stefano – Montello Bergamo 88-22
UnipolSai Briantea 84 Cantù-Cimberio HS Varese 65-54

LA CLASSIFICA
UnipolSai Briantea 84 Cantù, Ubi Banca Santo Stefano e Amicacci Giulianova punti 6; Cimberio H.S. Varese, Santa Lucia Roma e Nordest Castelvecchio 2; GSD Porto Torres e Montello Bergamo 0.

IL PROSSIMO TURNO (sabato 25 novembre)
Cimberio H.S. Varese – UBI Banca S.Stefano (ore 17)
Montello Bergamo – Santa Lucia Roma (ore 18)
Nordest Castelvecchio – Amicacci Giulianova (ore 18)
GSD Porto Torres -UnipolSai Briantea 84 Cantù (ore 19)

[email protected]
(foto di Markus Binda)