Una domenica all’insegna dello Sport e dell’integrazione quella dell’Aldo Levi a Varese. Ad affrontarsi due realtà che hanno messo al centro del proprio progetto l’accoglienza dei migrantiTre Rose Nere Casale Monferrato, realtà nata nel 2015 in Piemonte da un’idea del PresidentePaolo Pensa, ed ASD Rugby Varese, la società ospitante, che ha lanciato il progetto quest’anno, affidando la guida tecnica della squadra a Giovanni Soldini e Leonardo Bianchi: “Finora è stata una bellissima avventura, all’inizio è stata dura, ma ora i ragazzi iniziano a capire il gioco e a comprendere cosa significa fare squadra – dice Soldini a fine partita -”.

“Il nostro è un progetto appena iniziato e sicuramente gli amici di Casale potranno darci nuovi spunti e suggerimenti per migliorare e crescere. Anche se la squadra non è competitiva a noi interessa che si integrino e capiscano al meglio i principi e i valori che rendono il nostro sport unico – ha commentato il presidente Pierantozzi a fine partita -”. Ed anche se alla fine i Diavoli Rossi sono usciti sconfitti in casa non è importato a nessuno del pubblico che ha applaudito al lavoro svolto da due realtà completamente dilettantistiche.

[email protected]