Home Pro Patria Dove eravamo rimasti? Pro a Dro con l’incognita Colombo

Dove eravamo rimasti? Pro a Dro con l’incognita Colombo

0
Dove eravamo rimasti? Pro a Dro con l’incognita Colombo

Dove eravamo rimasti? A occhio e croce, al pareggio con il Seregno (2-2 il 5 marzo), primo punto conquistato dopo due sconfitte in striscia. Da allora, tre settimane, un richiamo di preparazione, qualche infortunato recuperato, qualcun altro da recuperare. E (soprattutto) parecchia voglia arretrata di tornare in campo. Crisi di astinenza cui la Pro Patria farà rimedio con tre partite in 8 giorni. Ma prima della doppietta allo “Speroni” con Grumellese (29 marzo) e Fanfulla (2 aprile), il primo passo del terno secco di impegni sarà la trasferta di Dro (domenica ore 15, stadio “Comunale Oltra”). Passeggiata di salute? Ehm…non proprio. Anzi, pinze pronte alla presa.

13-11-2016 Busto Arsizio (VA)Campionato Dilettanti 2016/17 Gir BAurora pro patria-DroNella foto:Colombo sì, Colombo no, Colombo forse. La formazione biancoblu ha perso 3 delle ultime 6 fuori casa. Contro le ultime 9 in classifica, però, ha sempre vinto. In casa e fuori. Bonazzi se la giocherà con il solito 3-5-2 e la disponibilità (o meno) di Riccardo Colombo farà da effetto domino nelle scelte. La sensazione è che il fagnanese verrà convocato ma partirà dalla panchina. Possibile undici con Monzani in porta; Garbini, Zaro e Ferraro dietro; Piras, Arrigoni, Disabato, Pedone e Barzaghi in mezzo; Santana e Cappai davanti. Indicazioni in parte emerse dal 6-0 di ieri nel test con la Rescaldinese. Domani mattina nella rifinitura verranno sciolti gli ultimi (eventuali) dubbi.

Dro formazioneCasa Drolce Casa. Solo le prime 5 hanno vinto più partite in casa dei gialloverdi. E solo 4 squadre hanno subito meno reti sul proprio terreno. Quindi, considerare la trasferta sul Sarca una potenziale buccia di banana più che consigliabile diventa obbligatorio. Anche perché i trentini sono abituati a giocarsi tutte le fiches salvezza al “Comunale Oltra”. Fuori (3 punti in 13 uscite, peggio di chiunque altro), si limitano alla tappezzeria. Soave dovrebbe puntare ancora sul 4-3-3 con il bresciano Chimini tra i pali; Allegretti, il superveterano Michele Ischia (39 candeline spente lo scorso 5 marzo), il croato Molnar e De Min (97) in difesa; Luca Concato (98), Binatti e Farimbella (97) a centrocampo; l’argentino Braian Crivaro (96), il camerunese Laurent Amassoka (8 reti stagionali ma solo una nelle ultime 7 gare) e Paoli (97) in attacco.

Simone GalipòAncora tu, non mi sorprende lo sai. Per il match della 28^ giornata è stato designato Simone Galipò di Firenze (assistenti Francesco Lotta di Pisa e Andrea Mancini di Empoli). L’arbitro gigliato sarà la prima figurina doppia stagionale avendo già diretto i biancoblu nella sfida del 23 ottobre con il Pontisola (3-0 e provvidenziale ribaltone a seguire). I numeri annuali del fischietto toscano dicono 12 gare officiate (2 nel Girone B), con 3 successi interni, 3 esterni, 6 pareggi, 55 gialli e 3 rossi.

Giovanni Castiglioni