Domenica scorsa è stata un’altra giornata di grandi numeri e risultati per l’OXYGEN Triathlon di Ispra. Il club a Lecco centra ben 4 podi, oro e bronzo di categoria maschile e femminile. Le bollicine si sono distinte tra gli oltre 700 partecipanti che hanno affollato le 4 batterie dalle prime luci del mattino fino al primo pomeriggio con il caldo che aumentava di ora in ora.

Tra le donne, Rakhi Mehra nuota senza muta uscendo tra le prime, gestisce bici e corsa conquistando l’oro della sua categoria davanti gli occhi di suo papà tra i tanti tifosi. Altro podio, bronzo in questo caso per Elisa Montrasio che con la sua nuova Cervelo S3 va forte ma anche senza corre niente male. Medaglia di legno per Ilaria Del Grande e 5° posto di categoria che fa segnare un ottimo nuoto, seguita da Alessandra Caraffini che torna alle gare e lo fa con un buon risultato e con la sua allegra voglia di far squadra. Mitica la donna di ferro dalle distanze lunghe, Alessandra Ambrogi-Comotti che si allena durante questo sprint. Joana gareggia pensando alla partita di calcio della sera che vedrà il suo Portogallo in finale e spinge dimostrando un miglioramento nella corsa. Giuliana Terranova, al suo primo anno nella triplice, dà prova di un nuoto molto forte, frazione da cui proviene, tenendo il vantaggio in bici e durante la corsa. Sara Consogno riesce nell’impresa di nuotare sotto i 16’ e di correre in 27’, cosa che le fa ben sperare per la prossima gara a squadre di ottobre a Riccione e, ancora prima, per la distanza olimpica a settembre.

Passando agli uomini, Davide Campiotti ha onorato il suo titolo di campione italiano di categoria distanza olimpico anche in questo sprint, facendo suo l’oro di categoria con un nuoto da pro, una bici ad un livello molto alto e una corsa impressionante sotto i 17’. Bronzo di categoria, Simone Ferraro che esce attardato dal nuoto per via di una canoa incontrata lungo il cammino, ma poi riesce a gestire un bel gruppo in bici e corre forte. Andrea, Stefano e Max escono dalla T1 insieme, controllano la bici perdendo però Andrea al primo giro per via dei cambi (costretto al ritiro), e corrono insieme il 1km, fino a quando Stefano cambia marcia e Max vede il suo amico diventare un puntino lontano. Fede Gatto, dopo aver perso tutto il rank e pur essendo stato lontano per tanto tempo dai campi di gara, riesce a tenere dietro tantissimi atleti. Lo spagnolo Diego Macias precede di poco uno delle colonne fondanti dell’Oxygen, Roberto Micci, che con la sua nuova bici va fortissimo. Finalmente non solo spettatore, Matteo Righi dimostra di essere anche un buon triathleta. Allo scoccare del ora e 14 minuti arrivano a poca distanza Luca Guaralda, Daniele Sacco (esordiente con una gran voglia di ripetersi a breve) e un PapaMau in grande spolvero. Seguono poco distanti e soddisfatti gli M3 Ivan Ticchi e Matteo RicciFabio “Ansia” Grifoni dopo un nuoto in affanno non trova un buon gruppo in bici e, complice qualche problema tecnico, decide di abbandonare la competizione.

[email protected]