Grande successo al Torino Club – Scuola Calcio élite Marco Parolo per l’incontro a Gallarate. “L’OSSERVATORE CALCISTICO A TU PER TU CON FAMIGLIE E GIOVANI ATLETI” è stato il primo corso nel suo genere, organizzato dal Direttore Sportivo Secondina Sandri, ha coinvolto un centinaio di partecipanti nell’accogliente sala riunioni del club; presente anche la fotografa ufficiale della serata Naima Giorgia Giovannini. L’obiettivo dell’evento era quello di raccontare e condividere con gli ospiti gli aspetti tecnici, ma non solo, della figura dell’Osservatore Calcistico, facendo riferimento alle diverse dinamiche del mondo osservatori, che coinvolgono famiglie e giovani atleti nell’esperienza calcistica. Tutto questo per fornire informazioni e cultura adeguata soprattutto agli adulti che non si devono limitare al: “eh ma mio figlio è bravo …”, oppure: “Il mio giocatore è un fenomeno …”. Devono avere coscienza e consapevolezza di questo mondo in modo da accompagnare al meglio i ragazzi nel percorso di crescita. Analogo discorso vale anche per i giocatori che, seppur sognanti, devono mantenere i piedi a terra e essere consapevoli di quello che li circonda, dei loro pregi e difetti per potersi migliorare.

Queste le parole del D.S. Secondina Sandri: “I relatori Marco Borri (AlbinoLeffe), Riccardo Brandinali (Varese), Andrea Chiminazzo (Atalanta), Maurizio Vici (Carpaneto) e Carlo Zanantoni (CabriniSports) con professionalità e competenza, sono riusciti in a raccontare non solo aspetti tecnici del loro lavoro ma attraverso slides impreziosite da studi e statistiche hanno rilasciato consigli, indicazioni e in un certo senso sfatato alcuni tabù a volte presenti nella “cultura” dei genitori; lo sport anzitutto deve essere scuola di vita. Il tutto con massima professionalità e umiltà. Un corso unico, utile che ha appassionato tutti i presenti; al Torino Club stiamo lavorando davvero in una direzione di élite, senza trascurare nulla, offrendo qualità non solo agli atleti ma anche a tutti coloro che li accompagnano nel percorso formativo calcistico e umano”.

 [email protected]