Per il secondo anno consecutivo il varesino Simone Miele ha concluso in seconda posizione assoluta il Rally del Rubinetto, difficile gara piemontese disputatasi lo scorso weekend.

A bordo della Ford Fiesta Regional Rally Car della Dream One Racing e insieme al fido Roberto Mometti, Miele è partito col piede sbagliato nella prima prova speciale di sabato quando, per un problema alla leva del freno a mano, ha perso parecchio tempo nelle inversioni e nei tornanti. Il distacco accumulato si è rivelato pesante ma ciò non ha demoralizzato Miele che ha recuperato margine prova dopo prova. Finito terzo assoluto dopo le quattro speciali di sabato, Miele ha affrontato la tappa domenicale con la giusta determinazione al punto che metà del gap che lo separava dal leader Caffoni era stato ripristinato dopo solo una Ps. Tre vittorie parziali di prova hanno così ringalluzzito i portacolori della scuderia Top Rally che ad una prova dal termine dovevano ancora guadagnare 14”.
“Era praticamente impossibile – ha raccontato Miele all’arrivo – ma non volevamo lasciare nulla di intentato. Siamo partiti a tutto gas ma dopo un paio di curve siamo incappati in un errore a cui ne ha fatto seguito un secondo e così abbiamo tirato i remi in barca”.

Al traguardo di San Maurizio d’Opaglio, Miele si è anche preso i complimenti di pubblico e per come è riuscito a tener viva la lotta per la vittoria. Se sabato 15 e domenica 16 ottobre sulle rive del Lago d’Orta è andato in scena uno splendido duello sportivo, è anche grazie all’olgiatese Simone Miele e al luinese Roberto Mometti che hanno provato in tutti i modi a mettere alla frusta gli avversari. Lo spettacolo è stato assicurato ma una promessa non sarà passata inascoltata ai numerosi presenti: “Torneremo il prossimo anno per riprovare a vincere questo splendido rally”. Parola di Miele e Mometti.

[email protected]
(foto Alquati)