La pubblicazione dell’elenco iscritti è uno dei momenti principali dei tanti che precedono una gara. Anche al Rally dei Laghi è così e dopo che sul sito www.varesecorse.it sono apparsi i nomi dei concorrenti che saranno in gara sabato 12 e domenica 13 marzo prossimi sulle speciali lombarde, ecco che il “toto-rally” impazza.

Tutti a caccia di Freguglia– Sono 86 gli equipaggi iscritti alla 25° edizione del Rally dei Laghi ai quali si devono aggiungere le sei vetture stradali che prenderanno parte al raduno. A fianco al nome di Giuseppe Freguglia che quest’anno passerà alla Ds3 Wrc e favorito d’obbligo in quanto vincitore delle ultime tre edizioni, appaiono altri nomi di spessore che potranno dire la loro sulle difficili strade dell’entroterra varesotto. In primis ci sarà il locale Andrea Crugnola, pilota abituato ai ritmi del mondiale rally e già vincitore del Laghi del 2012: ultimo ad aver inviato la propria adesione, il driver di Calcinate del Pesce gareggerà per la prima volta su una vettura a quattro ruote motrici: la Ford Fiesta R5. Altro piede pesante sarà il bresciano Luca “Pede”Pedersoli, personaggio di spicco dell’ambiente rallystico che ha scelto Varese come test pre CIWrc:  per lui pronta una Citroen C4 Wrc.
Terzo pilota prioritario al via sarà Simone Miele, fresco vincitore del Challenge di Zona1, il bustocco ha nel mirino l’obiettivo di replicare ai successi di papà Mauro che a Varese vinse due edizioni dell’allora Rally Aci: Simone userà una Fiesta Wrc gestita dal team di famiglia Dream One Racing. Non sono da meno gli altri piloti che hanno scelto macchine di prestigio per puntare in alto: ci sarà il vincitore del 2009 Filippo Pensotti su Citroen Ds3 Wrc, il piemontese Vallivero su Ford Focus 2000cc. Wrc o ancora il valtellinese Gianesini (Fiesta R5), più volte in odore di vittoria al Laghi ma mai primo, il forte piemontese e figlio d’arte Corrado Pinzano (Peugeot 208 R5), il ticinese Ivan Ballinari (Fiesta R5) che chiuse a podio nel 2015 o ancora gli outsider Roncoroni (Peugeot 207 S2000) o Bizzozzero (Peugeot 208 R5).

Grande sarà l’attesa del pubblico per vedere in gara la spettacolare Porsche 997 GT3 schierata nella categoria RGT: a portarla in gara sarà il cuassese Aldo Calabrini, tester ufficiale della rivista Autosprint (in foto in alto). Anche nelle altre classi, seppure non si parli di pretendenti assoluti, i nomi di rilievo non mancano: in primis in S1600 dove a Re Barsanofio cercheranno di contrapporsi il varesino Ripoli (Clio) nonché il rientrante Manera o ancora in R3 dove sarà sfida a tre tra Marchetti, Bosetti e Albertolli.
Spicca il nome di Giuseppe Dipalma tra gli iscritti in R2: il malnatese già protagonista al Laghi e sulle strade tricolori inizierà dal rally di casa la sua avventura stagionale che lo porterà ad utilizzare durante tutto il 2016 una Peugeot 208 R2B; Guzzi e A. Bernardi i principali oppositori. Ben nove invece i pretendenti alla classe A7 che oltre al prestigio, metterà in palio il Memorial Mauro Saredi.

 

Pillole  statistiche– Saranno tre i piloti prioritari in gara: Pedersoli, Crugnola e Miele. Cinque invece coloro che in passato hanno vinto almeno un’edizione del Laghi: Roncoroni (2005), Maran (2007), Pensotti (2009), Crugnola (2012) e Freguglia (2010-2013-2014-2015). Sono trentacinque gli equipaggi non varesini iscritti tra i quali ne spiccano due in particolare per via della notevole distanza da percorrere per arrivare a disputare il Laghi: il tedesco Hohlehimer ed il messinese Alessandro Casella.

 

Raduno al seguito– In fondo alle vetture da rally partirà una piccola carovana di sei vetture stradali che prenderà così parte al Raduno dei Laghi. Tali concorrenti “approfitteranno” delle strade chiuse per transitare sulle prove della gara ma senza l’assillo dei cronometri.

[email protected]