L’ottava edizione del Franciacorta Rally Circuit per Giacomo Ogliari e Gabriele Falzone si basa su un prologo fatto da due podi assoluti; due settimane fa infatti l’equipaggio della scuderia DPD Group ha centrato la terza posizione assoluta al Cremona Circuit mentre un anno fa lo stesso duo aveva stupito tutti con la prestigiosa terza posizione assoluta al Franciacorta bordo di una R5.

Nel rally bresciano che andrà in scena durante il prossimo weekend Ogliari ritroverà sia la Ford Fiesta WRC che il navigatore Falzone e le speranze e le ambizioni non possono che essere di alte prospettive: “L’anno scorso il maltempo aveva livellato i valori prestazionali delle vetture e grazie anche alla nostra esperienza siamo riusciti a cogliere un bellissimo podio” afferma Ogliari. “Quest’anno vogliamo quantomeno ripetere tale risultato in virtù di previsioni meteorologiche avverse e delle prestazioni superlative della Ford Fiesta 1600 della Delta Rally”.
Se a Cremona Ogliari ha voluto settare la sua WRC, ora il pilota milanese-varesino cercherà di mettere a frutto l’esperienza di quindici giorni fa per puntare in alto. “Jack” Ogliari e “Lele” Falzone partiranno con il numero 10; la gara si svilupperà nell’arco di 3 giorni con una prova speciali prevista nella serata di venerdì 12 febbraio tre in quella di sabato e due nella conclusiva tappa domenicale dove ci sarà un Master Show finale dedicato a Daniel Bonara.
Per l’occasione la vettura di Ogliari sarà interamente colorata dalla PolentOne, azienda che nel settore della polenta da asporto ha trovato un grandissimo successo; in campo gara sarà quindi presente uno stand gastronomico che delizierà tutti i tifosi e coloro che accorreranno a sostenere Ogliari e Falzone: ”L’amicizia ed il rapporto professionale che mi lega con la famiglia Pirovano ha permesso che come già accaduto alcuni anni fa, la mia vettura da gara possa essere totalmente colorata con i colori della PolentOne – ha spiegato Ogliari -; credo che ci divertiremo e proprio per questo non vedo l’ora di cominciare”.

[email protected]
(foto free press di Alquati)