Tre gol di Petrov nel primo quarto per Milano e un gran gol di Odoni per i Mastini, sono la sostanza del 3-1 finale con cui Milano ha vinto questa sera al PalAlbani nella prima uscita stagionale della formazione di coach Fedrizzi.

Il pubblico del PalaAlbani era desideroso di vedere all’opera i Mastini, che si sono presentati, ieri sera,sfidando in amichevole il Milano, squadra candidata a rivestire un importante ruolo da protagonista nel campionato di Serie B che inizierà il prossimo fine settimana (l’esordio per l’HC Varese 1977 sarà domenica 25 settembre alle 19:30 in casa contro il Como).
L’occasione è stata perfetta per testare i nuovi innesti della formazione giallonera, che si trova, dopo diverso tempo, con la possibilità di disporre di una panchina lunga dalla quale il neo allenatore Max Fedrizzi potrà attingere.
Inizio un po’ timido per la compagine di casa che paga a caro prezzo le prime tre penalità della partita, incassando tre reti realizzate tutte dal “meneghino” Aleksandr Petrov, che chiude bene tre schemi offensivi ben orchestrati dai propri compagni, battendo l’incolpevole Tesini, schierato da Fedrizzi a difendere la gabbia dei Mastini.
Il secondo periodo vede i Mastini più quadrati e maggiormente “presenti” sul ghiaccio, capaci prima di resistere ad un paio di inferiorità numeriche e poi di impensierire il goalie avversario in almeno tre occasioni. Con F. Borghi dalla distanza, con Privitera lanciato in velocità e fermato dal gambale del portiere milanese e infine con una conclusione di Silva che trova ancora l’estremo rossoblù pronto a trattenere il puck.
I Mastini hanno la possibilità del powerplay a inizio terzo periodo ma non è sfruttata. E’ invece Odoni che coglie l’occasione più avanti con un tiro dalla distanza che infila la gabbia milanese con un gran gol.
Una rissa tra Salomon e Latin comporta 5′ di penalità per il primo e la penalità partita per il secondo.
Una doppia superiorità non è sfruttata a dovere dai Mastini e proprio in questo frangente è il palo a tintinnare e negare la gioia a F. Borghi. Mastini ancora con l’uomo in più per un tempo prolungato, ma senza successo, grazie alla attenta difesa rossoblù.
Il gioco delle penalità porta Varese a non cogliere la giusta occasione e a parte un paio di buoni interventi del portiere giallonero, il terzo periodo è di chiara marca varesina, ma il risultato non cambia. I Mastini sono apparsi già con una buona condizione atletica, ma rimangono da affinare intesa e precisione, prerogative che potranno soltanto migliorare dando tempo ai nuovi giocatori di integrarsi al meglio in una rosa che ha visto tanti nuovi innesti.

Bene Milano che ha saputo capitalizzare al massimo le prime occasioni avute, con giocate che lasciano intendere già un ottimo rodaggio. L’appuntamento per i tifosi gialloneri sarà domenica prossima per l’esordio in campionato contro il Como.

FOTOGALLERY

VARESE – MILANO 1-3 (0:3 0:0 1-0)
FORMAZIONI
HC MASTINI VARESE: 45 Tesini, (29 Bertin), 34 F. Borghi, 11 Frizzera, 87 Gaggini, 54 Salomon, 25 Tremontin, 23 Rivoira,. 17 Andreoni, 69 P. Borghi, 71 Mandelli, 22 E. Mazzacane, 10 M. Mazzacane, 31 Merzario, 97 Odoni, 4 Principi, 88 Privitera, 91 Rocca, 9 Senigagliesi, 21 Silva, 27 Sorrenti, 12 Ziliani. All. Massimo Fedrizzi
HC MILANO: 31 Pignatti, (35 Tura), 27 Fadani, 21 Ilic, 96 Latin, 4 Schina, 45 Alario, 18 Asinelli, 23 M. Borghi, 55 Gherardi, 19 Mondon, 55 Perna, 72 Petrov, 71 Piccinelli, 29 Pozzi, 17 Vanetti, 25 Zandegiacomo. All. Massimo Da Rin
MARCATORI
M 3’57” Petrov (Perna, M. Borghi) PP
M 8’04” Petrov (Perna, M. Borghi) PP
M 10’21” Petrov PP
V 47’28” Odoni (F. Borghi)
PENALITA’: Varese 19′ – Milano 36′
SPETTATORI: 222

[email protected]