La prima Mobilarchery in Italia, gara amichevole nazionale di Tiro Dinamico ArcoUISP incentrata sulla mobilità, si è svolta domenica 24 aprile nei boschi di Caidate di Sumirago al campo dell’ASD Arcieri della Grande Quercia, ideatrice di questa attività.

tiro con l'arco mobile 2Dopo la particolare e molto apprezzata Mini Arkàn Notturna di febbraio in cui sono intervenuti atleti dalla Lombardia, dal Friuli Venezia Giulia, dal Piemonte e dall’Emilia Romagna, l’ASD organizzatrice ha proposto questa nuova tipologia di manifestazione in cui i partecipanti si sono cimentati prevalentemente con situazioni di tiro incentrate sulla mobilità del bersaglio o dell’arciere o di entrambi e nel tiro a volo. Le abilità sono state messe alla prova, ad esempio, da pendoli oscillanti, palloni rotolanti o lanciati verso l’alto (con parabole sempre diverse, come dai lati, dalle spalle, con traiettorie più alte o più basse), bersagli con movimento orizzontale o verticale ed altro ancora. Non sono mancate, ovviamente, difficoltà basate anche sugli altri due arkàn (oltre a precisione e mobilità), cioè la destrezza – sempre molto presente – e la potenza, come accade sempre nelle attività sportive del Tiro Dinamico ArcoUISP.

L’iniziativa sarà sicuramente ripetuta nel prossimo autunno/inverno: per ora gli Arcieri della Grande Quercia si concentreranno sull’organizzazione dei loro prossimi eventi sportivi di giugno e luglio, tra cui il primo Torneo Nazionale di Archery Combat.

 [email protected]