Si è conclusa la due giorni di festa organizzata dal G TEAM di Gallarate per festeggiare i 5 anni dalla fondazione.

Venerdì 28 ottobre, giorno esatto del “compleanno” della Società, all’oratorio di Cedrate si è tenuta una serata di gala con tutti gli atleti, dirigenti, allenatori e sponsor attuali e passati. Oltre 150 i presenti. Alla serata ha preso parte anche il vice sindaco della città di Gallarate, Moreno Carù, in rappresentanza dell’amministrazione comunale: “Sono molto contento di essere qui questa sera e conoscere una realtà sportiva della città che non conoscevo. E’ bello vedere come da una partitella in oratorio sia nata una realtà così importante per l’azione educativa che offre ai ragazzi ed alla città”.

Sabato 29, sul campo dell’oratorio di Sciaré tre diverse società si sono contese il trofeo istituito per la ricorrenza: G TEAM, Skorpions Varese e Seamen Milano. Ospite d’eccezione della manifestazione Linus di Radio Deejay, il cui figlio gioca con la maglia dei Seamen Milano, che all’inizio della manifestazione ha fatto l’in bocca al lupo alle squadre presenti ed ha concesso foto agli spettatori. Dalle 15.30 alle 20.00 le squadre si sono affrontate a più riprese per arrivare alla definizione dei vincitori del bowl: Seamen Milano per la categoria Under 13 e G TEAM per la categoria mista Under 15/Under 17.

Soddisfatto Max Bertolani, coach dei Seamen Milano che ha conquistato il secondo trofeo della stagione e Cesare Coppe, presidente del G TEAM: “Abbiamo vissuto una giornata di sport e divertimento e questo è il regalo più grande per festeggiare i nostri cinque anni. Sono contento che sia presente Max e possa gioire della vittoria per la categoria Under 13: con lui ci lega una profonda amicizia nata ancor prima che fondassimo il G TEAM ed una condivisione sincera dei valori sani dello sport, quelli che entrambi ci sforziamo di portare all’interno delle scuole e negli oratori”.
Al termine delle partite di flag football junior è stata la volta di un’amichevole tutta da ridere: dirigenti contro atleti. La vittoria spetta a questi ultimi, nonostante non siano mancate sorprese sul campo.

Sono molto contento di come si siano concluse queste due giornate di festa. Ripercorrendo la mostra fotografica allestita per l’occasione ho rivissuto nei sorrisi e nelle espressioni dei ragazzi lo spirito ed i valori di cui ci facciamo promotori. Ogni tanto è necessario fermarsi per un attimo e guardarsi indietro ammirando la strada percorsa, non tanto per autocelebrazione ma per rinnovare lo spirito e consolidare la propria identità, quella di una realtà sportiva che primariamente svolge una funzione educativa” afferma il presidente Cesare Coppe, al terzo anno del suo mandato.

[email protected]