Qualche mese fa, la nostra redazione ha avuto l’idea di lanciare alcuni contest per coinvolgere i lettori e permettere loro di vincere dei premi. Di settimana in settimana sono state messe in palio cene presso “L’Osteria del Ponte” di Varese, magliette del Varese Calcio, della Pallacanestro Varese, della UYBA, palloni e anche una muta completa di divise per la prossima stagione, il tutto realizzato in collaborazione con il Macron Store di Azzate.
La muta completa di divise targate Macron è il premio finale del contest #chesquadralamia riservato alle formazioni di calcio e aperto venerdì 8 aprile. Semplici, come sempre, le regole: scattare e poi postare una foto di squadra con l’hashtag ?#?chesquadralamia? e l’immagine con più ‘mi piace’ alle ore 12 di martedì 19 aprile si sarebbe aggiudicata le tanto agognate maglie e sarebbe stata invitata a ritirarle durante la serata del Premio Varese Sport, previsto per lunedì 9 maggio alle Ville Ponti di Varese.

Questa iniziativa divertente e simpatica, però, ha avuto un epilogo che nessuno di noi si sarebbe mai immaginato, ben lontano da quei valori di lealtà e sportività che dovrebbero caratterizzare tutte le competizioni, di qualsiasi genere siano.
L’ASD Le Gazze ha collezionato 1081 like e, da regolamento, ha vinto il contest. Molti, tuttavia, sono stati i messaggi e le email di protesta che ci sono arrivati in redazione da parte di altre partecipanti; tutti insinuavano, più o meno velatamente, che l’ASD Le Gazze si fosse avvalsa di metodi non corretti per vincere il premio finale.
Di prove non ne abbiamo e per la nostra redazione la formazione che partecipa al campionati CSI a 7 ha conquistato il premio finale di #chesquadralamia. Dopo tante polemiche che si sono scatenate sui social e messaggi privati non proprio carini arrivati a giocatrici della società nata a Gazzada Schianno, l’ASD Le Gazze ha diramato il seguente comunicato ufficiale:

“Visto il sorgere di numerose polemiche e dubbi riguardo alla nostra onestà e onorabilità nel vincere il contest proposto da VareseSport, e che hanno portato anche a diversi insulti gratuiti alla società e, in privato, ad alcune nostre tesserate, abbiamo deciso di rinunciare alle divise che ci sono state assegnate come premio. Ci ritiriamo dal contest nella consapevolezza di avere la coscienza pulita, di non aver imbrogliato e di non aver usato nessun mezzo illecito per vincere. Purtroppo i social network non sono controllabili e i “like” ricevuti dalla nostra foto non sono ovviamente gestiti da noi. Quelli che ci sono stati contestati con toni polemici e volgari non sappiamo da dove provengano e non sono stati “creati” da noi. Pur comprendendo l’amarezza e forse la rabbia che chi, da fuori, possa provare, ci dispiace di essere stati accusati come società e come persone senza nemmeno essere interpellati e senza chiedere almeno una nostra posizione a riguardo. Addirittura vediamo che è stata creata una pagina Facebook contro di noi. Non riusciamo davvero a comprendere tanto odio per un contest amichevole, odio che non ci appartiene e che riteniamo assolutamente ingiustificato.
Abbiamo partecipato con entusiasmo all’evento e per noi è stato molto divertente farlo, come specificato nel post precedente. Ringraziamo quindi ancora VareseSport per averci regalato questa possibilità.
Abbiamo deciso, d’accordo con tutti i nostri tesserati, di cedere le divise alla squadra Under 10 dell’OSGB Madonna in Campagna. I bambini sono incapaci di sentimenti meschini, sono puri e rappresentano la nostra speranza per un futuro migliore. Speriamo che questo gesto chiuda ogni polemica e ristabilisca ordine nei sentimenti di chi ci attacca in maniera tanto violenta”.

Queste le parole scritte dall’ASD Le Gazze che, di fatto, si ritira dal contest e rinuncia alle divise in premio. Preso atto di questa volontà, la nostra redazione ha deciso di assegnare la muta di maglie alla Polisportiva Esagono, seconda classificata nel contest e che ha racimolato ben 1060 ‘mi piace’. Non ce ne voglia l’Under 10 dell’OSGB Madonna in Campagna, squadra indicata da Le Gazze come beneficiaria del premio finale, ma in ogni situazione, se il primo classificato si ritira da una competizione, lo scettro passa al secondo.
Aspettiamo dunque la Polisportiva Esagono lunedì 9 maggio alle Ville Ponti per ritirare il premio e invitiamo a venire alla serata anche tutte le altre formazioni che hanno partecipato al contest, i piccoli dell’Under 10 dell’OSGB Madonna in Campagna compresi. A loro sarà riservato un premio speciale. 

[email protected]

LA FOTOGALLERY