Il Varese chiama a raccolta i suoi tifosi. Da domani apre ufficialmente la campagna abbonamenti che è stata presentata stamattina presso Futuro Anteriore Spazio e Tempo di Varese, in via Speri della Chiesa. “Emozioni dritte al cuore” questo lo slogan scelto.
Sarà possibile sottoscrivere le tessere presso i circuiti Ciao Ticket, i punti di riferimento nella Città Giardino sono la Varese Dischi in Galleria Manzoni e la biglietteria dello stadio “Franco Ossola”.
L‘abbonamento varrà per 18 partite di campionato anziché 19, come ha spiegato il socio fondatore Piero Galparoli, perché una giornata del calendario, a scelta della società in base a come andrà il campionato, sarà proclamata la “giornata biancorossa” e tutti i tifosi pagheranno per accedere allo stadio.

Daniel Bravin, responsabile della biglietteria del Varese, ha delineato tutti i dettagli della campagna. Sconti per gli Over 65, per gli Under 14 e pacchetti vantaggiosi per le famiglie: il prezzo intero per i Distinti è di 100 euro (70 il ridotto per gli Over 65, 10 euro invece per i minori di 14 anni), abbonarsi alla Tribuna Laterale costerà 200 euro (130 il ridotto e 20 euro per i più piccoli di 14 anni); in Tribuna Centrale invece il costo dell’abbonamento è di 300 euro senza riduzioni.
Il Pacchetto Family prevede l’acquisto degli abbonamenti con i prezzi ridotti per le famiglie con almeno tre membri (mamma, papà e figlio). Per chi possedeva la tessera in Tribuna ci sarà la possibilità di confermare il posto. Una volta comprato l’abbonamento, il tifoso riceverà la ricevuta con la quale poi ritirare la tesserina, in formato tipo bancomat e non cartaceo come lo scorso anno, non appena sarà pronta.
L’apertura ci sarà domani mattina dalle 10 e i primi dieci che sottoscriveranno le tessere al Varese avranno in omaggio la nuova t-shirt nera della divisa “da riposo” della squadra.

campagna abbonamenti varese“Lo scorso anno siamo partiti di corsa e siamo riusciti a sfondare quota mille – dice il presidente Gabriele Ciavarrella -, come minimo speriamo di eguagliare quel numero. Ieri sono tornato a respirare l’odore dell’erba del campo e, alla faccia di chi diceva che forse non saremmo ripartiti, abbiamo risposto che ci siamo. Ho visto lo scudo sul cuore delle divise dei ragazzi e in me si è riaccesa l’emozione del giorno della promozione. I motori sono ripartiti, guardiamo avanti lasciandoci le polemiche alle spalle. Nella vita cambiano le amicizie, il lavoro, gli amori, ma solo una cosa rimane per sempre: la squadra del cuore. Abbiamo bisogno del sostegno dei nostri tifosi che non è solo morale e di tifo, ma anche economico”.

“Ringraziamo i tifosi per il grande sostegno che ci hanno dato lo scorso anno – gli fa eco il vicepresidente Paolo Basile -. Ci scusiamo con loro per il mese un po’ turbolento tra cambiamenti societari e tentativo di andare in Lega Pro; le incertezze sono alle spalle. Siamo pronti ad un grande campionato, siamo convinti di aver creato una squadra per provare almeno a vincere. Come dice il fedelissimo Lele Bellorini, se ti chiami Varese in Serie A e in Serie B puoi giocare per salvarti, nelle altre categorie devi vincere! E i tifosi dovranno darci una grossa mano”.

LEGGI ANCHE:
– IL RADUNO DELLA SQUADRA

Elisa Cascioli