Procede sulle acque del Lago Maggiore il World Rowing Tour, un grande evento internazionale organizzato dalla Canottieri Luino che unisce sport, turismo, valorizzazione del territorio, socialità e cultura.
canottaggio_Luino_worldrowingtour_cecchinIeri si è svolta la quarta tappa dopo una visita al Monastero di Santa Caterina del Sasso e dopo aver atteso migliori condizioni climatiche alla Canottieri Arolo. Il via, quindi, è stato dato alle 13:30, dopo il pranzo, con passaggio davanti a Ranco, per le 14 imbarcazioni da Coastal Rowing capaci di affrontare il lago in maniera sicura e una sosta ad Angera attorno alle 14:30.
Consueta festosa accoglienza, in questo caso da parte della De Bastiani Angera del presidente Giorgio Vesco, prima di affrontare l’ultimo tratto del percorso fino a Sesto Calende, ospiti del Circolo Sestese Canoa e Kayak.
Oggi, invece, sono in programma trentacinque chilometri per la quinta tappa. La più lunga, da Sesto Calende a Pallanza dopo un breve momento di riposo a Lesa.
“I volti soddisfatti dei canottieri ci stanno sicuramente ripagando dei grandi sforzi portati avanti per organizzare il World Rowing Tour – afferma Luigi Manzo, presidente della Canottieri Luino – Sta funzionando in maniera perfetta questa operazione di squadra che vede coinvolti anche i club che, a ogni tappa, riservano la migliore accoglienza ai partecipanti, davvero molto felici non soltanto per la possibilità di remare sul nostro lago, ma anche e soprattutto per i rapporti di amicizia che stanno nascendo in acqua chilometro dopo chilometro”.

 

[email protected]