Robur, parla coach Passera: ”Indietro nel lavoro, ma capito su cosa lavorare”

0
16

Ecco il punto della situazione in casa Robur dalle parole del coach gialloblu Franco Passera che analizza cosi l’attuale momento dei suoi: “Abbiamo cambiato parecchio la nostra preparazione e se da una parte è stata una preparazione interessante, dall’altra parte i carichi di lavoro sono stati davvero tosti e si vede come facciamo tanta fatica in campo. Alcuni giocatori in particolare più di altri, vedi Bolzonella, Matteucci e un Santambrogio che contro Mortara ha fatto veramente fatica. Fa tre campi e fa fatica. Poi c’è anche Maruca che ha fatto tutta estate a giocare il tre contro tre a metà campo e ora fatica ad adattarsi anche semplicemente a correre tutto il campo. Stiamo mettendo in condizione Filippo Rovera con tanta atletica e ci manca sempre Castelletta fermo ai box mentre anche Sabbadini è rimasto fermo dieci giorni”.
Una squadra che dà l’impressione di essere un po’ indietro nei suoi bioritmi.
“Siamo indietro dal punto di vista fisico a correre dietro a squadre abbastanza reattive in questo periodo della stagione come Lecco e la stessa Mortara. Sono squadre con professionisti, ma anche composte da giovani e stiamo cercando di dare spazio ai nostri giovani che speravo fossero più sicuri a livello di scelte e di iniziative. Da queste due amichevoli esco con delle idee più chiare su quello che deve essere questa Coelsanus. E’ ovvio che dobbiamo lavorare su rapidità, reattività e meccanismi difensivi. Contro Mortara nel primo quarto mi è decentemente piaciuta la squadra in attacco, ma non in difesa. Nel terzo periodo abbiamo preso almeno dici tiri aperti senza fare canestro. Dobbiamo anche cercare più gioco interno dato che l’unico che lo crea è Sabbadini con Pagani sotto canestro”.

Matteo Gallo