La Cimberio Handicap Sport s’impone nettamente a Sassari, esclude i sardi dalla lotta per le prime quattro posizioni che daranno accesso alla final four di Coppa Italia (16 e 17 gennaio a Varese) e si ricandida per un posto nella kermesse del PalaWhirlpool, anche se l’impresa appare ancora quanto mai difficile.

I varesini disputano una partita quasi perfetta, anche in considerazione dell’assenza di Blomquist (rientrato in Svezia per stare accanto alla moglie dopo la nascita del secondogenito) e, come conseguenza legata ai coefficienti dei vari giocatori, della parziale indisponibilità di Szulc (in campo solo per 11 minuti). Ma tutti offrono una prestazione di grande spessore e di enorme carattere che, sin dalle prime battute, non lascia spazio ai padroni di casa e fa chiaramente intendere loro che non ci saranno concessioni di sorta.

Geninazzi è grande protagonista in avvio: segna, prende rimbalzi ed è il fautore del primo minibreak (6-13 all’8′, poi 6-15 alla prima sirena con la “ciliegina” di Lindblom).

Nel secondo quarto una tripla di Sanchez pare riaccendere la Dinamo (11-17 al 12′) ma Lindblom segna due canestri che riportano i varesini a distanza di sicurezza (15-23 al 14′). Il terzo fallo di Geninazzi rischia di complicare un po’ la vita alla Cimberio che tuttavia torna al massimo vantaggio proprio con i canestri del suo miglior giocatore e di Damiano (22-34 al 19′), prima di chiudere il tempo con dieci tonde lunghezze di margine (24-34) dopo due tiri liberi di Spanu.

Alla ripresa del gioco la Cimberio torna a macinare e con Roncari e Arambula riprende la progressione: 26-40 al 25′, poi 30-44 al 27′, 34-48 al 29′ con l’infallibile Lindblom (alla fine 6/7 dal campo e 4/4 nei personali) e addirittura 34-52 poco prima dell’ultimo intervallo, al quale i varesini si presentano con 16 punti di vantaggio (36-52).

Nell’ultimo quarto di gioco si dilata ulteriormente il margine della formazione di Daniele Riva (40-60 al 33′, 44-66 al 38′) e il divario finale di 18 punti fotografa esattamente una superiorità che il campo ha evidenziato con chiarezza.

Ora gli occhi sono puntati su Seveso, dove in serata Cantù ospiterà Giulianova; e agli abruzzesi sono affidate le speranze di quarto posto della Cimberio: una loro vittoria farebbe sì che la sfida tra Cimberio e UnipolSai del prossimo 9 gennaio a Varese si trasformi in un autentico spareggio per il posto ancora da assegnare nella final four di Coppa Italia, mentre un successo dei brianzoli costringerebbe la Cimberio a una “mission impossible”, cioè a una vittoria con una quindicina di punti di scarto.

TABELLINI
Banco Sardegna Sassari – Cimberio H.S. Varese 48-66 (6-15, 24-34, 36-52)
Banco Sardegna: Bridge, Tanghe 10, Simula 7, Spanu 11, Arghittu, Torquati 2, Sanchez 18. N.e. Langiu, Uda, Curcio, Tiberi.
Cimberio: Damiano 8, Roncari 6, Lindblom 14, Geninazzi 13, Szulc, Groen 8, Arambula 11, Silva 6, Marinello, Sala. N.e. Fiorentini. All. Daniele Riva.
Arbitri: Di Paolo e Palazzo.
Note – Tiri liberi: Banco Sardegna 7 su 10, Cimberio 8 su 10. Nessuno uscito per 5 falli.

I RISULTATI (8a giornata, sabato 19 dicembre)
Banco Sardegna Sassari – Cimberio H.S. Varese 48-66
Santa Lucia Roma – GSD Porto Torres (ore 17)
Millennium Padova – Montello Bergamo (ore 18)
GiocoParma – Banca Marche Santo Stefano (ore 17)
UnipolSai Briantea 84 Cantù – Amicacci Giulianova (ore 20.30)

CLASSIFICA
Santa Lucia Roma punti 14; UnipolSai Briantea 84 Cantù e Amicacci Giulianova 12; GSD Porto Torres 10; Banco di Sardegna Sassari e Cimberio Varese 8; Montello Bergamo 4; Millennium Padova 2; Banca Marche S.Stefano e GiocoParma 0.

PROSSIMO TURNO (sabato 9 gennaio 2016)
Cimberio Varese – UnipolSai Briantea 84 Cantù (ore 17)
Amicacci Giulianova – GiocoParma (ore 18)
GSD Porto Torres – Banco Sardegna Sassari (ore 18)
Montello Bergamo – Santa Lucia Roma
Banca Marche S.Stefano – Millennium Padova (ore 18)

[email protected]