La Cimberio torna al successo dopo la pesante sconfitta subìta nell’ultimo turno di campionato a Porto Torres ma fatica le proverbiali sette camicie per piegare la resistenza del Montello Bergamo, battuto invece con facilità nel precampionato (ma, non scordiamolo, reduce da una onorevolissima sconfitta con tre soli punti di scarto per mano della sempre più sorprendente Giulianova).
I varesini di Daniele Riva hanno faticato molto in attacco, concludendo la partita con una percentuale di realizzazione piuttosto modesta (24 su 65 da due punti, pari al 37 per cento), mentre in difesa hanno davvero dato l’anima, puniti spesso dalla freddezza e dalla pazienza dei bergamaschi, costretti a girare la palla per oltre venti secondi, in apparente o reale affanno, ma poi capaci di trovare la soluzione vincente poco prima della sirena dei 24 secondi. Una situazione che si è ripetuta più volte nel corso del match e che ha permesso alla formazione ospite di restare sempre in partita.

Nel primo quarto la Cimberio ha dato l’impressione di poter rispettare facilmente il pronostico che la voleva nettamente favorita nei confronti degli avversari e in effetti il punteggio ha premiato Geninazzi e compagni, capaci ben presto di doppiare i bergamaschi (8-4 al 5, 16-8 all’8′), tenuti in gioco dal solo Canfora.
Già nel secondo quarto, però, si è compreso che le cose si sarebbero potute complicare per i varesini (26-22 al 15′), incapaci di assestare il colpo del k.o. Così il Montello ha chiuso praticamente a ruota la prima metà gara (35-33) e ha addirittura impattato (37-37) in avvio del terzo quarto. Da questo punto in poi la Cimberio ha sempre guidato nel punteggio ma senza mai avere in pugno la partita, restando sino all’ultimo sotto scacco di un avversario ben determinato a vendere cara la pelle (54-47 al 36′ con un’azione da tre punti di Lindblom ma poi 54-51 al 38′). Il canestro dalla media distanza di Blomquist a 31” dalla fine ha sciolto infine l’incubo di un possibile supplementare.

Tutti i giocatori schierati da Riva si sono divisi alla fine meriti e demeriti, con una menzione particolare per gli 11 rimbalzi di Geninazzi, i 6 assist di Damiano, la discreta precisione di Lindblom (5/12 con 5 assist), Blomquist (5/11 e 5 rimbalzi) e Roncari (4/9), oltre che per i 4 rimbalzi di Marinello in meno di sei minuti.
Sull’altro fronte onore soprattutto a Canfora (alla fine 8/15 dal campo, 3/6 nei personali, 8 rimbalzi e 3 assist) e Pedretti (3/7 al tiro, 6/6 dalla lunetta e 14 rimbalzi).

 

Cimberio Handicap Sport Varese – Montello Bergamo 57-51 (18-8, 35-33, 47-43)
Cimberio
: Marinello, Geninazzi 5, Blomquist 10, Damiano 4, Szulc 8, Silva, Groen 2, Lindblom 11, Arambula 9, Roncari 8. N.e. Sala e Fiorentini. All. Daniele Riva.
Montello: Pedretti 12, Bernardis 5, Milesi, Carrara 2, Belloli 4, Airoldi 9, Canfora 19. N.e. Villa, Cantamessa e Bombardieri. All. Ilario Narra.
Arbitri: Braga e Setola.
Note – Tiri liberi: Cimberio 9 su 18, Montello 11 su 16. Nessuno uscito per 5 falli.

 

I RISULTATI (5a giornata)
Cimberio HS Varese – Montello Bergamo 57-51
GiocoParma – Santa Lucia Roma 39-92
Amicacci Giulianova – Millennium Padova 65-51
GSD Porto Torres – Banca Marche Santo Stefano 63-52
UnipolSai Briantea 84 Cantù – Banco Sardegna Sassari 65-58

LA CLASSIFICA
Santa Lucia Roma, UnipolSai Briantea 84 Cantù e Amicacci Giulianova punti 10; Banco di Sardegna Sassari, GSD Porto Torres e Cimberio Varese 6; Montello Bergamo e Millennium Padova 2; Banca Marche S.Stefano e GiocoParma 0.

IL PROSSIMO TURNO (6a giornata, sabato 28 novembre)
Banco di Sardegna Sassari – GiocoParma (ore 18)
Santa Lucia Roma – Amicacci Giulianova (ore 17)
Montello Bergamo – GSD Porto Torres (ore 18)
Millennium Padova – Cimberio H.S. Varese (ore 18)
Banca Marche S.Stefano – UnipolSai Briantea 84 Cantù (ore 18)

[email protected]