A Casacalenda (CB) sta per cominciare l’avventura del KALENA Football Team, che ricalca in termini di finalità e filosofia il G TEAM di  Gallarate, squadra oratoriana di football americano nata a Gallarate nel 2011.

locandina football molise de filippoAlla guida della nascente realtà molisana Pasquale De Filippo (in foto in alto), coach qualificato FIDAF ed uno dei fondatori del G TEAM di Gallarate, recentemente trasferitosi a Casacalenda per motivi lavorativi. “L’entusiasmo è alle stelle. Mi trovo a rivivere questa avventura da zero. Certamente, arricchito dai bellissimi ed intensi anni nel G TEAM, ma pur sempre da zero. Come a Gallarate, parto dai bisogni dei ragazzi, intercettandoli negli ambiti più svariati per offrire loro un’opportunità di divertimento e di crescita a partire dallo sport. Qui il contesto è differente rispetto a quello gallaratese: non siamo in Lombardia, non siamo in città. Casacalenda, come altri paesi del Molise, ha una forte partecipazione da parte degli emigrati in Canada, in particolare degli abitanti della città di  Montreal. Inoltre i cittadini hanno un forte istinto di solidarietà che proviene dalla storia. Eppure i disagi dei giovani sono i medesimi ed il football è un ottimo antidoto. A Gallarate tutto è cominciato dalla comunità, dall’oratorio – continua De Filippo -. Da qui il G TEAM ha preso vie imprevedibili, collaborando con altre realtà del territorio, dalle parrocchie alle cooperative sociali, portando il proprio progetto educativo ai giovani attraverso programmi scolastici e laboratori all’interno degli oratori. Abbiamo a disposizione uno strumento straordinario: il football ha la capacità di unire ragazzi diversi tra loro, di porre degli obiettivi, di trasmettere valori fortissimi che oggi hanno bisogno di essere vissuti sulla pelle per essere trasmessi”.

Come è nata l’idea di fondare una squadra di football anche a Casacalenda? “In Molise siamo partiti dal comune e la scuola grazie all’impegno del Sindaco, Michele Giambarba, e il direttore scolastico Antonio Vesce. In pochi giorni una ventina di ragazzi si sono incuriositi ed appassionati. Abbiamo posto le basi per un piccolo progetto sociale con gli ospiti dello SPRAR (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati) di Casacalenda. Si tratta di una struttura che ospita immigrati minorenni non accompagnati: l’obiettivo è, anche qui, quello di creare coesione riunendo nello sport giovani con provenienze e background diversi. Ad ottobre partirà il programma scolastico di flag football Fidaf e Alessandro Zarbo, Consigliere federale ha notevolmente contribuito al progetto. Riparto con grinta, non per le vittorie, non per l’autocelebrazione, ma per divertire ed aiutare tanti ragazzi. Se crei un rapporto autentico con loro, tutto il resto verrà da sé. Il G TEAM è nato per questo e sta continuando a camminare in questa direzione, ed io qui, a Casacalenda, intendo fare altrettanto“.

Mercoledì 2 e giovedì 3 settembre inizieranno le attività, con due giorni di laboratori di flag football e tackle dedicata ad adulti e ragazzi. A breve partiranno anche gli allenamenti, che si terranno il lunedì ed il giovedì alle 18.00 presso la palestra delle scuole elementari.

Soddisfatto dell’iniziativa anche Cesare Coppe, presidente del G TEAM di Gallarate: “Ci onora il fatto di essere presi a modello per la creazione di una nuova società. Al contempo ci responsabilizza molto: non possiamo perdere la rotta. Quando si ha un ruolo educativo forte, il rischio di fare passi falsi è dietro l’angolo, se non ci si offre ai ragazzi con costanza e dedizione, conoscendoli ed instaurando con loro un rapporto di fiducia. Sono molto contento per Pas, questa è l’ennesima sfida che si trova davanti, dopo averne affrontate un’infinità qui a Gallarate. Cerchiamo sempre di aprire strade nuove ed anche questa volta Pas è andato in questa direzione: con il Molise si completa infatti la diffusione della disciplina in tutte le regioni italiane, il puzzle è completo. Un grande in bocca al lupo a lui e a tutti i ragazzi di Casacalenda”.

[email protected]