In periodo di preparazione, con tutte le società varesine e non solo coinvolte a sudare sui campi per farsi trovare più pronte che mai per la prossima stagione, da sottolineare il convegno tenutosi ad Expo in merito al tema della nutrizione, tassello fondamentale per una preparazione completa.
Il 3 agosto, alle ore 15, nell’Auditorium di Palazzo Italia EXPO Milano 2015, si è svolta la conferenza di presentazione nazionale del progetto “Nutrizione è salute”, campagna di educazione alimentare organizzata dalla Federazione Italiana Giuco Calcio – Lega Nazionale Dilettanti in collaborazione con la Federazione Medico Sportiva Italiana.
L’evento, organizzato in collaborazione con il Ministero delle Politiche Agricole e Alimentari e Forestali e con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, è stato, attraverso gli interventi dei rappresentanti istituzionali e degli esponenti federali, un importante appuntamento per conoscere gli obiettivi e i dettagli di un progetto che, nei numeri rappresenta la più importante iniziativa di educazione nutrizionale in Italia, ha ottenuto il patrocinio delle più alte Istituzione del Paese e il sostegno di numerosi partner commerciali.
Lo sforzo intrapreso dalla Lnd si svilupperà attraverso una campagna capillare che interesserà tutte le 14.000 società sportive i 1.400.000 tesserati e le loro famiglie. La campagna svolge, attraverso la produzione di materiale informativo e il recapito ad ogni società sportiva, un’azione formativa sia sugli allenatori, ai quali è dedicato il “Manuale tecnico” sull’alimentazione in funzione del calcio e riferita alle diverse fasce di età, sia direttamente su giocatori, giocatrici e rispettive famiglie con una “Guida pratica” sull’alimentazione rivolta in particolare alle madri o, a chi, in famiglia si occupa della preparazione dei pasti.
La conferenza, moderata dal vice direttore Rai Sport Jacopo Volpi, si è svolta di fronte un’ampia platea di addetti ai lavori, durante la quale si sono succeduti, intervallati dalla lettura di numerosi saluti istituzionali, gli interventi del ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, On. Maurizio Martina, dell’On. Gozi, Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri per le Politiche e gli Affari Europei, del Presiedente della Figc, Carlo Tavecchio e del Presidente della Fmsi, Maurizio Casasco.
Al cospetto di numeri preoccupanti riguardanti il fenomeno, in continuo aumento, dell’obesità giovanile, italiana ed europea, i relatori, pur da diverse angolature, hanno richiamato la centralità della più ampia questione educativa delle giovani generazioni, all’interno della quale ricondurre l’aspetto nutrizionale, e la necessità di una maggiore permeabilità e interazione tra scuola e sport. In particolare, ha riscosso un esteso consenso tra il pubblico presente il passaggio dell’intervento del Presidente della Fmsi, Maurizio Casasco, nel quale, invitando gli esponenti politici presenti a guardare e copiare altri sistemi scolasti europei o d’oltreoceano, si è messo in evidenza l’eccessivo carico scolastico, dato dalla somma di ore curriculari e dei compiti a casa, che diventano un ostacolo reale alla pratica sportiva dei nostri giovani.

Marco Gasparotto