Sono state ben cinque le gare alle quali hanno preso parte nel weekend appena trascorso gli atleti dell’Oxygen Triathlon di IspraMergozzo, Locarno, Forte dei Marmi, Sanremo e Cremona sono i luoghi in cui gli ossigenati si sono fatti valere e hanno conquistato piazzamenti e medaglie.
A Mergozzo la staffetta femminile, composta da Cloe Desmet, Rannveig Guicharnaud e Aude Kienzler ha vinto l’oro, argento per la staffetta mista formata dalla coppia Javier e Carmen Galbally; secondo posto di categoria S1 per Caravaglia Federico e 16° assoluto per Mowye Wiebe Berend (L’olandese Volante). Tra le staffette presenti si è fatta notare anche la maschile formata dai paratriatleti Nazionali Giorgio Vanerio (triatleta da appena un anno) e Andrea Bozzato (argento agli Europei 2013), accompagnati dal presidente dell’Oxygen Triathlon Fabrizio Minarini. Minarini, insieme a Giorgio e Diabolik, ha chiuso al primo posto davanti a Max Dioguardi –Stefano Caraffini (Fotored) e Adrea Duca (Ahi ahi crampo) e al trio formato da Iain Formosa –Carlo Briccola (fotomodello) – Davide Terni.
Tra gli individuali super prestazione di Wiebe (Olandese volante) che esce 10° dall’acqua, 11° nella frazione bike e chiude 16° totale. Grandissimi progressi per Lorenzo Caligara che non si perde neanche una gara e fa segnare una grande frazione di nuoto, seguito dall’amico Daniele Pitzolu e da Valerio Pattano. New ossigenato, Federico Garavaglia ottiene un argento di categoria S1. Enrico Minarini e Carlo Faedda arrivano mano nella mano entrambi con un po’ di rammarico, il primo per la frazione podistica che soffre particolarmente, il secondo per il nuoto che lo vede in forte ritardo e per ben due forature. Chiudono il gruppo Pierre Pegon (Guantino) e Alberto Fusari (Principe).

A Locarno si ripete il podio di Idro con Isacco Andrenucci 1° e Davide Campiotti 3° assoluti. Giorgio Vanerio commenta così la prova e il suo primo anno da triathleta: “Bel pomeriggio estivo in Locarno nonostante i temporali dei giorni precedenti che raffreddano le acque del lido fino a 17 gradi. I nostri colori oltre che dai due alfieri si completano con Silvia che al mattino porta al debutto nel triathlon scolari Edoardo Dusi, Oxykids, che ben si comporta, per poi cimentarsi nel pomeriggio nello sprint con Giorgio in una sfida tutta famigliare. Per pochi secondi la spunta ancora Giorgio che chiude con una ottima frazione di corsa sotto i 5,10  compiendo il percorso in 1h 19 e spiccioli. Isacco per la cronaca vince in 54 minuti e spiccioli ed è veramente super.”

A Sanremo si è festeggiata la fine della stagione agonistica dei Oxykids, dove si è disputato il finale del circuito Nord Ovest Giovani e Giovanissimi.  Arrivati a Sanremo venerdì sera, entusiasti dall’aria di mare, 10 Oxykids, tra cui il debuttante Bertaglia Junior, si sono ritrovati sabato mattina al ritiro pacchi gara. Aria frizzantina, solo splendente, pacchi gara ben forniti: i ragazzi sembravano più che soddisfatti. Il livello della gara, era stratosferico e gli Oxykids quest’anno sono tutti quanti i più giovani della loro categoria.  Perciò hanno dovuto stringere i denti per tenere il ritmo elevato della gara. Come sempre si sono battuti come dei leoni fino all’ultimo metro, lottando per la propria, piccola vittoria personale e si sono sostenuti a vicenda con urla e spugnaggi extra a bordo gara. La fatica è valsa la pena, perché i giovani e giovanissimi comunque sono riusciti a piazzarsi più o meno a metà classifica e anche i nostri due Youth A erano soddisfatti della loro gara.

Nella stupenda Forte dei Marmi, Gianmaria Coletto e Valentina Tagliabue hanno partecipato alla chiamata del triathlon made in garmin; Valentina ha ottenuto un bronzo di categoria al suo esordio: “Per me dopo la prima a Bellagio c’è stato un gran salto di qualità: niente crampi e gara costante in tutte le frazioni”. Per Valentina è andata molto bene: nona assoluta femminile e podio bronzo di categoria S3. Ha pagato tantissimo l’inesperienza nella bici, in discesa si è aggrappata ai freni e ha perso molto tempo. Anche nei cambi i parziali non sono stati buoni. Ci ha però dato dentro nella corsa, con un parziale che è stato in assoluto il migliore.

A Cremona, infine, Riccardo Cipolat e Giovanni Vanini hanno fatto una buona gara. Cipolat rimane bloccato in piscina e riesce a uscire dall’acqua in “soli” 10?, mentre Vanini corre come solo lui sa fare e vola i 5km in 17:39. Prossimo appuntamento a Pella.

[email protected]