Un’entry list ricca di nomi importanti, il padrone di casa Roberto Marcora (in foto a destra) nel miglior momento della propria carriera, e una folta pattuglia di italiani pronti a lottare per il titolo. Scatterà con queste certezze la terza edizione del Trofeo Fba Mitsubishi Autorex, il Futures da 15mila dollari di montepremi del Tennis Club Busto Arsizio, nuovamente pronto ad accogliere alcune delle migliori racchette del circuito mondiale.
Si partirà sabato 21 giugno con le qualificazioni, prologo del torneo vero e proprio, al via dal lunedì successivo. Come gli anni scorsi l’osservato numero uno sarà proprio Marcora, figlio di Giuseppe, presidente del circolo e direttore del torneo. Il 24enne bustocco sta disputando un grande 2014, che l’ha già visto conquistare tre tornei Futures, e da lunedì sarà per la prima volta fra i top 300 del ranking Atp. Visti i grandi progressi in classifica, sta tentando il passaggio ai tornei di categoria superiore, ma non mancherà l’appuntamento di casa, col sogno di conquistare sui campi che l’hanno visto crescere il suo ottavo titolo a livello internazionale. Al momento Marcora è il numero quattro dell’entry list, guidata da una coppia di tennisti belgi: Arthur De Greef e Yannik Reuter, rispettivamente numero 287 e 307 della classifica mondiale.

roberto marcora foto di francesco panunzioSubito dietro di loro c’è il bresciano Alberto Brizzi (in foto in alto), semifinalista a Busto Arsizio nel 2013 e sempre molto insidioso a questi livelli, accompagnato da altri due pretendenti al successo finale, entrambi toscani. Il primo è l’aretino Luca Vanni, protagonista di una prima parte di stagione da urlo, con cinque titoli Futures e oltre 500 posizioni scalate in classifica, l’altro è il fiorentino Matteo Trevisan. Coetaneo di Marcora, quest’ultimo è stato numero 1 al mondo fra gli under 18, ma la sua carriera da ‘pro’ non è mai decollata. Tuttavia, se ispirato sa esprimere un tennis da far invidia a molti, e non ha perso le speranze di arrivare in alto.
Desta curiosità anche la presenza dello svizzero Michael Lammer, già numero 150 del mondo ma soprattutto compagno di Roger Federer e Stanislas Wawrinka nella nazionale elvetica, che a settembre sfiderà l’Italia per l’accesso alla finale di Coppa Davis. Completano l’elenco degli italiani già certi di un posto nel tabellone principale il bolognese Enrico Burzi, i milanesi Alessandro Bega e Riccardo Sinicropi, e il ligure Andrea Basso. Per tutti gli altri c’è la strada delle qualificazioni, che metteranno in palio (fra i 48 partecipanti) gli ultimi otto posti per il main draw. L’ingresso ai campi di Via Torino 7 (Castellanza) sarà gratuito per l’intera durata della manifestazione.

ENTRY LIST AL 12 GIUGNO
Arthur De Greef (Bel, 287), Yannik Reuter (Bel, 307), Alberto Brizzi (Ita, 328), Roberto Marcora (Ita, 334), Maximilian Neuchrist (Aut, 358), Luca Vanni (Ita, 363), Matteo Trevisan (Ita, 391), Marek Michalika (Cze, 421), Pedro Cachin (Arg, 440), Pedro Sakamoto (Bra, 457), Enrico Burzi (Ita, 463), Michael Lammer (Sui, 480), Alessandro Bega (Ita, 489), Pablo Galdon (Arg, 511), Daniel Dutra Da Silva (Bra, 515), Riccardo Sinicropi (Ita, 561), Sekou Bangoura (Usa, 589), Hicham Khaddari (Mar, 604), Viktor Galovic (Cro, 625), Andrea Basso (Ita, 685).

[email protected]
(foto di Francesco Panunzio)