Costanza Del Bianco è la più brava maestra del mondo. L’insegnante dell’Accademia Scherma Gallaratese ha trionfato nella gara di fioretto individuale e in quella a squadre ai Campionati del Mondo di scherma riservati ai maestri che si sono tenuti a Prato, in Toscana. “Era la prima volta che partecipavo ad un campionato del mondo – spiega Costanza –; nonostante da giovane avessi partecipato a prove di Coppa del Mondo, il Mondiale mi mancava e finalmente è arrivato quello riservato ai maestri. Non mi aspettavo di vincere anche se ci credevo moltissimo, soprattutto nella prova individuale“. Ma la gioia non si è fermata all’oro individuale; Del Bianco ha conquistato il primato anche nel fioretto a squadre con le compagne Martina Ganassin e Ljuba Giangaspero, l’amica di sempre, fortissima atleta e maestra della società di Rimini.
È stata una giornata strana – ricorda la trentaquattrenne di Gallarate -. E’ iniziata male, il riscaldamento non funzionava ed ero molto nervosa. Poi, però, iniziata la gara è stato tutto mentalmente semplice, pensavo ad ogni singolo assalto, a stoccata su stoccata senza fare conti delle vittorie che ottenevo. A quello ci pensava mio marito sugli spalti, insieme ai miei genitori, al consigliere dell’Accademia Scherma Gallaratese Zibetti con la moglie, la nostra segretaria Barbara, e alla mia allieva Rebecca“.
La passione per la scherma inizia da lontano: “La scherma è la mia vita a 360°. Ho cominciato da bambina, avevo circa 6 anni ed è stato subito amore. Sono cresciuta nella società di Gallarate fino al trasferimento a Milano”. Poi, il ritorno tanto atteso all’Accademia Scherma Gallaratese dove ora insegna ai bambini nella palestra di viale dell’Unione Europea. “Il presidente Luigi Crespi e tutta la dirigenza mi hanno dato fiducia e abbiamo iniziato un progetto ambizioso che sta dando i suoi frutti. I nostri allievi stanno ottenendo buoni piazzamenti e sia i più piccoli, sia quelli più grandi dimostrano serietà e impegno in allenamento così come in gara. Doveroso è il ringraziamento a tutta la società dell’ASG e a tutti i miei allievi per avermi supportata in questo Mondiale e per aver creduto in me”. 

Laura Paganini