L’attesa per il Rally Internazionale dei Laghi sta per finire.
Nel pomeriggio di sabato, lo staff del comitato organizzatore dell’ASD Laghi distribuirà il road book utile ai concorrenti per scrivere le note e studiare il percorso mentre la sera, presso l’Hilton Garden Inn di Somma Lombardo, si terrà l’elezione di Miss Rally dei Laghi, evento che replica la fortunata “prima” del 2013 in cui venne eletta come madrina della corsa la splendida gallaratese Alexia Cunico.
Mancano ancora alcuni giorni alla pubblicazione dell’elenco iscritti (le iscrizioni chiuderanno domani), ma le circa ottanta adesioni pervenute fanno ipotizzare ad un alto tasso qualitativo: certi della loro presenza saranno il besnatese Giuseppe Freguglia ed il sondriese Marco Gianesini che si sfideranno su due Ford Fiesta Regional Rally Car. A contrastare il campione uscente, oltre al già citato Gianesini, ci saranno sicuramente il cremenaghese Andrea Spataro, il lavenese Filippo Pensotti (vincitore nel 2009), il cugliatese Bizzozzero ed i comaschi Marco Roncoroni (1° nell’edizione 2005) e Stefano Baccega tutti al via con vetture di categoria S2000. In classe R4 sarà presente il malnatese Giuseppe “Giò” Dipalma così come il veterano Gianfranco Caranci mentre puntano su vetture a due ruote motrici il varesino Andrea Crugnola, protagonista nel Campionato Europeo Rally e qui al via con la Renault di proprietà dell’amico Robert Kubica, Alessandro Ripoli, Luca Potente, Massimo Fusetti (tutti su Clio S1600), Alessandro Marchetti (Clio R3), il valcuviano Vanni Maran (Clio Kit) e il bustocco Simone Miele (Clio Williams).
La gara sarà valevole per i trofei monomarca di Renault e Peugeot aggiungendo ancora più pepe alle classi medio piccole che arricchiscono come sempre l’elenco partenti. In coda alla gara ci saranno le auto storiche da rally con le vetture di casa Lancia a farla da padrone; sarà un momento per poter applaudire e rimirare gli esemplari che hanno scritto le pagine più memorabili del rallysmo a partire dagli anni ’70 fino ad arrivare alla fine dei ’90.
“Per la prima volta dopo molti anni credo che non riusciremo a toccare la quota di cento iscrizioni -il commento di Andrea Sabella, patron di ASD Laghi-, anche se siamo prossimi a novanta perchè alcuni piloti mi hanno contattato per confermarmi che invieranno la loro richiesta entro la chiusura; è un dato che ci aspettavamo in quanto la crisi si fa sentire in maniera pesante e gare blasonate che si sono disputate lo scorso fine settimana hanno avuto molti meno iscritti della quota che abbiamo già raggiunto noi ora. Speriamo che il pubblico possa comunque apprezzare il nostro sforzo organizzativo: la prova speciale di Caravate da ripetere due volte sarà molto spettacolare e l’ingresso gratuito richiamerà sicuramente molta gente. Anche questo è un buon modo per far parlare bene dei rally”.

[email protected]