Poco più di un mese fa è stato inaugurato a Calcinate degli Orrigoni il nuovo campo da beach volley. Il Comune di Varese ha sistemato l’area dove già sorgeva un precedente campo da beach volley e l’ha reso agibile ai fruitori.
Quei lavori di rifacimento sono stati soltanto un preambolo di opere più importanti che saranno realizzate nei mesi a venire: è stato approvato oggi, infatti, il progetto preliminare di riqualificazione dell’adiacente campo di atletica. L’importo dei lavori di rifacimento della pista, sistemazione degli spogliatoi e sostituzione delle torri faro è di 1 milione e 200 mila euro. «L’intervento sarà realizzato tenendo conto delle indicazioni che ci sono pervenute dalla società di atletica  – hanno spiegato il vicesindaco Carlo Baroni e l’assessore allo Sport Maria Ida Piazza -: per esempio per il tappetino del campo si userà un manto sintetico che si usura meno di quello ipotizzato in un primo tempo con il progetto degli australiani. Anche per l’impianto delle luci abbiamo accolto suggerimenti per un risparmio nell’utilizzo più consono alle attività che vengono svolte. I lavori saranno a luglio ed agosto 2015, in modo da consentire la fine delle attività della stagione sportiva. Questa è la prima fase del progetto: una seconda fase comporterà la realizzazione di una pista coperta di 100 metri, da usare per gli allenamenti invernali. Il costo sarà di ulteriori 500mila euro».
Il progetto che dà attuazione alla prima fase degli interventi prevede, in sintesi, la sistemazione della pista di atletica mediante il rifacimento del manto di usura, la sostituzione delle gabbie per il lancio del martello e del disco, la sistemazione del corpo di fabbrica principale che ospita gli spogliatoi ed i locali di servizio nonché la sostituzione dell’attuale impianto di illuminazione costituito da quattro torri faro, potenziandone nel contempo la capacità di illuminamento al fine di rispondere ai requisiti minimi richiesti dalla norma UNI EN 12193 per poter ospitare manifestazioni di atletica a livello nazionale.

[email protected]
(foto da ironguzzo.blogspot.com)