Sono rientrate solo da pochi giorni le due squadre dei Giovanissimi del Caravate che hanno partecipato alla 27ma edizione della “Copa Catalunya”. I ragazzi sono stati accompagnati in Spagna al prestigioso torneo internazionale dal professor Sellitti, responsabile tecnico ed educativo del settore giovanile nonché mister, da Casartelli, suo fidato collaboratore, dal dottor Borgese, padre e medico al seguito, e da Manicone di cui è previsto un rientro in società come tecnico.

Il Caravate 1, costituito da giocatori della Varesina e dei Templari di Sangiano, ha superato brillantemente la prima fase avendo la meglio contro i più prestanti ma meno tecnici e rapidi ucraini, norvegesi e svedesi. Negli ottavi di finale, però, si è arreso per 1-0 ad una squadra argentina, pur giocando bene e creando numerosi pericoli sventati dal portiere avversario. Il Caravate 2, invece, un po’ per inesperienza e un po’ per sfortuna, è stato eliminato al termine della prima fase: il successo per 1-0 sui marocchini di Rabat è stato seguito dai ko contro una formazione norvegese (2-1), contro Cantù (2-0) e contro gli spagnoli di Madrid che sono stati sconfitti in finale dalla forte selezione di Savona allenata dal “mitico” Felicino Vaniglia.
Al torneo hanno preso parte più di 100 squadre provenienti da tutto il mondo. Ottima l’organizzazione tecnica tedesca della Kommit e la scelta logistica di far alloggiare i ragazzi nei migliori alberghi della Costa Brava. Sempre disponibile e attento alle esigenze si è dimostrato anche Daniele Martini, referente responsabile per l’Italia e che ha accompagnato i club dall’iscrizione alla fine della manifestazione (corresponsabile della www.sporturismo.com 335 676 9919 /[email protected]).
Quella che è terminata pochi giorni fa è stata un’esperienza sportiva e turistica di primissimo livello per tutti i ragazzi, in particolare quelli delle due squadre del Caravate. Il torneo ha avuto una grande cornice di pubblico (oltre 1500 persone per la cerimonia di apertura) e ha fatto vivere ai partecipanti emozioni da ricordare: da citare la presentazione iniziale di tutte le squadre, gli inni delle nazioni che sono risuonati sui campi, le premiazioni finali e, in conclusione a suggellare il tutto, lo spettacolo di fuochi d’artificio. Una settimana indimenticabile, insomma, per i club italiani presenti. Si coglie l’occasione per ringraziare tutte le società che hanno consentito la partecipazione dei propri atleti al Torneo: Varesina/Templari Sangiano/Varano/Bosto/Accademia Laveno/Base 96 (Mi)/Vergiatese/Ternatese/Posillipo (Na) e Terracina (Lt).

 

Chiusa questa felice parentesi, in casa Caravate si comincia a lavorare in previsione della prossima stagione agonistica. Il 18 agosto inizierà l’attività per gli Allievi 1999, i Giovanissimimisti 2000/2001 e gli Esordienti 2002/2003 che parteciperanno, come ogni anno, al Torneo Nazionale Giovanile di “Fiore del Baldo” che si svolgerà a Brentonico (TN) dal 28 al 31 agosto insieme ad altre società dilettantistiche ed alle professioniste Milan, Atalanta, Chievo e Cesena. Per questa occasione è ammessa anche la partecipazione di alcuni prestiti;  i ragazzi del 2002 e 2003 che sono intenzionati a prendervi parte dovranno presentarsi al Campo Sportivo di Caravate nei giorni 18/20/22 agosto per una selezione o contattare il responsabile tecnico/educativo del settore giovanile, professor Dario Sellitti al numero 340 5833521.

Il 18 agosto avrà il via anche la preparazione della prima squadra agli ordini di mister Bongiolatti. L’ambizione è centrare almeno i playoff. La rosa in costruzione è composta da molti ragazzi provenienti dal settore giovanile e vede le conferme del capocannoniere fantasista Moro, del forte esterno Lazzarini, del giovane portiere Bressan, a cui è stato affiancato l’esperto Pilotto (ex Leggiuno), degli esperti Zanetta, Baranzini e Fiorbianco. Rientrerà alla base dopo un anno sabbatico il centrocampista Gavazzi, così come sarà di nuovo a Caravate Leonardi. Tra i nuovi arrivi si segnala Daniele Lago, difensore  proveniente dall’Ispra, e si sta lavorando per portare in gialloverde anche Matteo Realini, centrocampista della Calcinatese e classe ’91. Si salutano con non poco dispiacere le partenze di Miglierina, capitano di grande personalità, di Minervino, autore di precise geometrie e molto professionale, di Maiolo, realizzatore implacabile, di Mancini, del portiere “fisioterapista” Cortina e dell’amico Salvatore Carta.
Il massaggiatore quest’anno sarà il personal trainer Roberto Costa e rientra alla base come collaboratore part time per la segreteria Simone Piazzi.

L.P.