La 15^ tappa disputata oggi ha attraversato il Varesotto. 225 km da Valdengo con arrivo ai 1665 metri di Montecampione: questo il percorso che ha visto la carovana attraversare i comuni di Lonate Pozzolo, Busto Arsizio, Castellanza e Saronno prima per poi proseguire verso Bergamo e verso i 1665 metri di quota di Plan di Montecampione (montagna dedicata a Pantani) dove a tagliare per primo il traguardo è stato il 24enne sardo Fabio Aru con una straordinaria azione negli ultimi 3 km. Primo successo da professionista per lui. Uran, arrivato al traguardo con un ritardo di 42”, mantiene la maglia rosa e guadagna qualche secondo su Evans, arrivato con 1’13” di ritardo. Alle spalle di Aru, si sono piazzati nell’ordine Duarte, Quintana e Rolland a circa 25”.
Domani il gruppo godrà dell’ultimo giorno di riposo. Martedì inizierà il rush finale con i grandi tapponi dolomitici: martedì percorso di 208 km da Ponte di Legno a Val Martello comprendendo le scalate di Gavia e Stelvio (con i suoi 2758 metri Cima Coppi del Giro).

Arrivo: 1. Fabio Aru (Astana) in 5h33’05”; 2. Duarte (Col) a 21″; 3. Quintana (Col) a 23″; 4. Rolland (Fra); 5. Uran (Col) a 42″; 6. Majka (Pol) a 57″; 7. Pellizotti a 1’08”; 8. Moreno (Spa); 9. Hesjedal (Can) a 1’13”; 10. Evans (Aus).

Classifica generale: 1. Rigoberto Uran (Colombia / Omega Pharma – Quick-Step) in 63h26’39”; 2. Evans (Aus) a 1’03”; 3. Majka (Pol) a 1’50”; 4. Aru a 2’24”; 5. Quintana (Col) a 2’40”; 6. Pozzovivo a 2’42”; 7. Kelderman (Ola) a 3’04”; 8. Rolland (Fra) a 4’47”; 9. Kiserlovski (Cro) a 5’44”; 10. Poels (Ola) a 6’32”.

[email protected]