Medaglia di legno per Andrea Micheletti della Canottieri Gavirate che, nel doppio pesi leggeri maschile con Pietro Ruta (Marina Militare), agli Europei di Belgrado, taglia il traguardo a 45 centesimi dall?’argento (6.13.67), andato alla Norvegia. Tra i sei varesotti azzurri impegnati nella manifestazione, Micheletti è l’unico ad essere arrivato a giocarsi una medaglia.
Nel complesso la Nazionale italiana torna a casa con tre medaglie nel palmares: un oro nel doppio pesi leggeri femminile, specialità olimpica, di Laura Milani e Elisabetta Sancassani (Fiamme Gialle), titolo confermato con autorevolezza per il terzo anno consecutivo (Varese 2012, Siviglia 2013, Belgrado 2014), un argento nel singolo pesi leggeri maschile, specialità non olimpica, di Marcello Miani (Forestale), giunto secondo alle spalle del portoghese Pedro Fraga, che mancava dal podio mondiale dal 2011 e tornato ad alto livello dopo un anno sabbatico. L’?ultima medaglia, quella di bronzo, è stata conquistata nel quattro senza senior maschile, specialità olimpica, da Cesare Gabbia (SC Elpis), Giovanni Abagnale (CN Stabia), Paolo Perino e Giuseppe Vicino (Fiamme Gialle), nella gara vinta dall?equipaggio della Gran Bretagna.

La bustocca Sara Bertolasi della Canottieri Lario, nel quattro di coppia, ha concluso con un settimo posto generale (barca in terza posizione sia nelle batterie, che nei recuperi). Nono posto invece per l’otto femminile con a bordo Erika Faggin, Ilaria Broggini e Veronica Calabrese. Infine, il quattro senza PL, con a bordo Elia Luini ha concluso undicesimo.

I RISULTATI DELLE BARCHE AZZURRE FINALISTE
DOPPIO PESI LEGGERI FEMMINILE: 1. Italia (Laura Milani, Elisabetta Sancassani-Fiamme Gialle) 6.54.85, 2. Germania (Anja Noske, Lena Mueller) 6.55.56, 3. Gran Bretagna (Imogen Walsh, Katherine Copeland) 6.55.77, 4. Svezia (Cecilia Lilja, Emma Fredh) 6.59.78, 5. Olanda (Elisabeth Woerner, Maaike Head) 7.00.52, 6. Polonia (Joanna Dorociak, Weronika Deresz) 7.01.96.
SINGOLO PESI LEGGERI MASCHILE: 1. Portogallo (Pedro Fraga) 6.51.72, 2. Italia (Marcello Miani-Forestale) 6.54.42, 3. Svizzera (Michael Schmid) 6.56.444. Danimarca (Andrej Bendtsen) 6.57.85, 5. Gran Bretagna (Adam Freeman-Pask) 7.00.93, 6. Germania (Daniel Lawitzke) 7.01.68
QUATTRO SENZA MASCHILE: 1. Gran Bretagna (Alex Gregory, Mohamed Sbihi, George Nash, Andrew Triggs Hodge) 5.46.86, 2. Grecia (Dionysios Angelopoulos, Ioannis Tsilis, Georgios Tziallas, Apostolos Lampridis) 5.51.02, 3. Italia (Cesare Gabbia-SC Elpis, Paolo Perino-Fiamme Gialle, Giovanni Abagnale-CN Stabia, Giuseppe Vicino-Fiamme Gialle) 5.51.72, 4. Olanda (Boaz Meylink, Olivier Siegelaar, Mechiel Versluis, Robert Luecken) 5.53.23, 5. Germania (Toni Seifert, Kristof Wilke, Maximilian Munski, Bjoern Birkner) 5.56.98, 6. Russia (Alexander Kornilov, Dmitrii Golovin, Rostislav Drozhzhachikh, Daniil Andrienko) 6.00.51
DOPPIO PESI LEGGERI MASCHILE: 1. Francia (Stany Delayre, Jeremie Azou) 6.11.80, 2. Germania (Konstantin Steinhuebel, Lars Hartig) 6.13.22, 3. Norvegia (Kristoffer Brun, Are Strandli) 6.13.28, 4. Italia (Andrea Micheletti-Canottieri Gavirate, Pietro Ruta-Marina Militare) 6.13.67, 5. Svizzera (Simon Schuerch, Mario Gyr) 6.14.03, 6. Olanda (Tycho Muda, Vincent Muda) 6.17.48
DUE SENZA SENIOR MASCHILE: 1. Serbia (Nenad Bedik, Dusan Bogicevic) 6.21.75, 2. Olanda (Rogier Blink, Mitchel Steenman) 6.21.99, 3. Germania (Bastian Bechler, Anton Braun) 6.24.71, 4. Gran Bretagna (Alan Sinclair, Nathaniel Reilly-O’donnell) 6.24.92, 5. Italia (Marco Di Costanzo-Fiamme Oro, Matteo Castaldo-RYCC Savoia) 6.27.82, 6. Spagna (Alexander Sigurbjonssonbenet, Pau Vela Maggi) 6.32.34
DUE SENZA PESI LEGGERI: 1. Svizzera (Simon Niepmann, Lucas Tramer) 6.29.57, 2. Gran Bretagna (Jonathan Clegg, Sam Scrimgeour) 6.30.32, 3. Olanda (Tim Weerkamp, Ivo De Graaf) 6.30.49, 4. Francia (Clement Duret, Theophile Onfroy) 6.33.93, 5. Germania (Torben Neumann, Can Temel) 6.33.97. 6. Italia (Stefano Oppo-SC Firenze, Paolo Di Girolamo-Fiamme Gialle) 6.34.55.

[email protected]