La prima gara del Campionato Rally Svizzero disputatasi sul territorio elvetico ha detto molto bene al giovane pilota di Cadempino Kim Daldini ed al navigatore varesotto Daniele Rocca. Impegnati con una Renault New Twingo R2B del team transalpino Chazel, i due hanno saputo interpretare a meraviglia il fondo stradale veloce, difficile e zeppo di insidie e fin dalle prime battute hanno occupato la top ten assoluta del rally mettendosi in prima posizione tra le vetture di classe R2.
Unico neo della gara sono state le continue problematiche derivate dall’impianto frenante che in più di un’occasione hanno rischiato di compromettere la gara di Daldini e Rocca: sulla Ps6 infatti, il 21enne ticinese ha dovuto ricorrere al freno a mano per rallentare la vettura prima di una curva dato che il pedale dei freni ha fatto a vuoto la sua corsa.
“Abbiamo rischiato parecchio -racconta Kim Daldini- perché la Twingo non si fermava e l’utilizzo della leva ci ha permesso di non uscire di strada anche se abbiamo urtato contro un muretto forando e piegando il braccetto dello sterzo.”
La gara dei due giovani ragazzi è continuata all’insegna della rimonta e al termine delle prove speciali la loro gara si è conclusa 12° posto assoluto e al secondo di raggruppamento a 1’25” dal vincitore Devanthery.
Il bilancio è comunque molto positivo; al di fuori delle problematiche tecniche, delle quali cui i due ragazzi hanno già relazionato al team, l’impressione è che il lavoro di preparazione svolto durante l’inverno abbia dato i suoi frutti.
“Io e Daniele abbiamo instaurato un feeling davvero elevato e devo essere sincero: è davvero in gamba; non si limita a dare le note ma riesce anche a consigliare, spronare e contenere; credo che insieme ci toglieremo delle belle soddisfazioni” ha concluso Daldini.

[email protected]